Alzi la mano chi non ha mai fatto una videochiamata in Skype, svelando il disordine della stanza in cui si trovava o inquadrando senza volerlo persone estranee. È un problema piuttosto comune, e visto che Skype si usa molto in ambito professionale, Microsoft ha pensato di rimediare agli inconvenienti aggiungendo la funzione per sfocare lo sfondo. Sfrutta l’Intelligenza Artificiale per rendere poco visibile tutto quello che si trova alle spalle dell’utente.

È l’effetto che gli appassionati di fotografia chiamano “bokeh“, che si ottiene con l’inquadratura in primo piano di un soggetto, come per esempio nei ritratti, con lo sfondo completamente fuori fuoco. Nel caso di Skype a ottenere lo stesso risultato non è un obiettivo, ma un processo eseguito in tempo reale dall’algoritmo dell’applicazione. L’Intelligenza Artificiale è stata “istruita” per rilevare le forme umane e mantenere a fuoco il soggetto durante la videochiamata. Il riconoscimento del soggetto comprende i capelli, mani e braccia, di modo da assicurare che la sfocatura sia operata solo sullo sfondo. La tecnologia è parente stretta di quella già integrata da Microsoft all’interno di Teams, l’app per i meeting, che da tempo dispone di questa funzione.

In alcuni casi è meglio che lo sfondo non si veda – Foto: Depositphotos

 

Durante una chiamata si può attivare questa funzione selezionando l’icona con la videocamera: basta cliccare la voce “Blur my background“, “sfoca lo sfondo”. La funzione è disponibile con l’ultima versione di Skype per desktop e notebook Windows, macOS e Linux. Al momento non sappiamo quando debutterà sulle applicazioni per i dispositivi mobili.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Trovare falle in Android e Chrome è un lavoro remunerativo, nel 2018 assegnate ricompense per 3,4 milioni di dollari

prev
Articolo Successivo

Xiaomi Mi Mix 3 è uno smartphone veloce e con buona autonomia, ma pecca di immediatezza per l’uso del meccanismo a slitta

next