Questo trolley andrà bene come bagaglio a mano? Lo zaino sarà accettato in cabina o bisognerà pagare un sovrapprezzo? Sono alcune delle domande più comuni che si pongono molti viaggiatori quando preparano le valigie. A maggior ragione se la prenotazione è su un volo low-cost. Chi vola con Easyjet e possiede un iPhone ha ora una soluzione hi-tech a portata di mano.

È l’app ufficiale della compagnia aerea low cost, che con l’ultimo aggiornamento (versione 3.25) offre la funzionalità inedita di misurazione del bagaglio. Sfruttando la tecnologia ARKit 2 di Apple per la realtà aumentata e la fotocamera integrata nello smartphone (tutti i modelli a partire dall’iPhone 6), l’app visualizza sullo schermo l’immagine virtuale di un box 3D per misurare il bagaglio. Per usarla bisogna inquadrare il pavimento. Quando appare sullo schermo una sorta di scatola virtuale, bisogna inquadrare il bagaglio. A questo punto è facile vedere se gli ingombri rientrano nelle soglie limite.

Daniel Young di Easyjet ha spiegato che l’azienda è “costantemente alla ricerca di innovazioni che contribuiscano a migliorare l’esperienza di viaggio dei passeggeri che scelgono di viaggiare con easyJet, e questa tecnologia ne è un esempio perfetto. L’innovazione è da sempre al centro della nostra strategia e continuiamo a investire sulle funzionalità della nostra app mobile […] per rendere più facile e divertente la preparazione al viaggio, cercando di eliminare tutti i possibili elementi di stress”.

Sempre per evitare stress, ricordiamo che per le dimensioni dei bagagli a mano ammessi in cabina con Easyjet sono di 56 x 45 x 25 cm ruote e maniglie incluse. Se non siete hi-tech, o se non avete un iPhone, il caro e vecchio metro da sarta può chiudere la questione.

Foto: Depositphotos

 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Tre infermiere robot “assunte” in Thailandia, consegnano cartelle cliniche e farmaci

prev
Articolo Successivo

Sony AF9 Master Series è il televisore top di gamma di grande qualità, che costa una fortuna

next