“In tutti i Paesi europei c’è un reddito minimo garantito quindi non è strano che ci sia anche in Italia”. Così l’economista Carlo Cottarelli, intervistato a margine dell’iniziativa ‘Peccati e Peccatori, Sud. Economia.Lavoro’ commenta la misura simbolo del M5s appena entrata in vigore dopo la pubblicazione del decretone in Gazzetta Ufficiale. Per Cottarelli il Rei (Redditto d’inclusione) “era effettivamente basso“. Ma, aggiunge l’economista, “c’è un problema, perché sono necessarie fonti di finanziamento stabili“.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Successivo

Professioni sanitarie, il nuovo ordine dei fisici mi ha risposto. Ma fa ancora più confusione

next