Si muove e non stupisce perché è un robot, ma si avvita come come una pianta rampicante muovendosi con un supporto con i suoi viticci hi-tech. Descritto sulla rivista Nature Communications, apre la strada a una futura generazione di dispositivi indossabili e in grado di cambiare forma. Il robot è stato realizzato nel Centro di Micro-BioRobotica dell’Istituto Italiano di Tecnologia (Iit) a Pontedera (Pisa).

Ha coordinato la ricerca Barbara Mazzolai, che è stata tra le 25 donne geniali della robotica 2015, alla quale si deve il primo robot pianta mai realizzato, il plantoide. La ricerca, cui hanno partecipato il tecnologo dei materiali Edoardo Sinibaldi e l’ingegnere aerospaziale Indrek Must, si è ispirata ai meccanismi naturali con cui le piante sfruttano il trasporto dell’acqua al loro interno per muoversi, chiamato ‘osmosi’, ossia la presenza di particelle presenti nel liquido (citosol) presente nelle cellule della pianta. La nuova pianta hi-tech fa parte della famiglia dei robot soffici, capaci di adattarsi all’ambiente che li circonda con la sua struttura flessibile. Per allungare i suoi viticci nel modo più efficiente, il robot è stato programmato in modo che i movimenti guidati dall’osmosi non fossero troppo lenti. È inoltre in grado di arrotolarsi e srotolarsi, proprio come fanno le piante.

Il suo stelo è un tubo flessibile di Pet, il materiale plastico comunemente utilizzato per conservare gli alimenti; al suo interno scorre un liquido con particelle cariche (ioni). Sfruttando una batteria da 1.3 Volt, gli ioni vengono attirati e immobilizzati sulla superficie di elettrodi flessibili alla base del viticcio che in questo modo fanno arrotolare i viticci. Perché si srotolino è sufficiente rimuovere l’effetto della batteria, sfruttando il circuito elettrico in cui essa è inserita.
I materiali e le tecnologie a base del nuovo robot, osservano i ricercatori, suggeriscono la possibilità di costruire robot soffici facilmente adattabili all’ambiente, senza rischi. Ulteriori sviluppi potranno arrivare dal progetto europeo GrowBot, al quale Mazzolai contribuisce con il suo gruppo di ricerca. Il progetto è finanziato dalla Commissione Europea nell’ambito del programma Fet Proactive, che prevede lo sviluppo di un robot capace di crescere, riconoscendo nello stesso tempo le superfici cui attaccarsi o i supporti cui ancorarsi proprio come fanno le vere piante rampicanti.

L’articolo su Nature

Fatto for future - Ricevi tutti i giovedì la rubrica di Mercalli e le iniziative più importanti per il futuro del pianeta.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Vaccini, l’ordine dei biologi ha speso migliaia di euro per analisi inutili ed errori. E lo dico da chimico

next
Articolo Successivo

Viagra nei vaccini, l’ordine dei biologi mi invita a ripetere le loro analisi. Peccato non sia possibile

next