Tre anni, tre governi: Renzi, Gentiloni, Conte. Il 25 gennaio 2016 al Cairo si perdevano le tracce di Giulio Regeni, che una settimana dopo veniva trovato cadavere sul ciglio di una strada. Evidenti sul suo corpo i segni delle torture subite. Da allora in Italia è cresciuta la richiesta di verità sulla tragica fine del ricercatore di Fiumicello, testimoniata da simboli, bandiere issate su edifici pubblici e manifestazioni pubbliche, come le fiaccolate che anche questa sera, a tre anni esatti dalla scomparsa, si terranno in molte città. Che cosa ha fatto la politica? La distanza tra le parole e i risultati è sotto gli occhi di tutti. Il richiamo dell’ambasciatore italiano è durato meno di un anno, mentre i leader, in patria, hanno sempre fatto la voce grossa, salvo tenere l’argomento Regeni ai margini degli incontri bilaterali con il presidente egiziano Al Sisi, che comanda un paese strategico per i rapporti commerciali con l’Italia, a partire dai giacimenti di petrolio. L’eccezione è quella del presidente della Camera Roberto Fico, che non ha mai fatto mancare il sostegno alla famiglia Regeni e che ha deciso di interrompere i rapporti tra la Camera dei deputati italiana e il parlamento egiziano. Una scelta simbolica, che però resta l’unica vera presa di posizione italiana a tre anni dall’accaduto. I presidenti e i principali esponenti di governo? Da Renzi a Gentiloni, da Salvini a Di Maio, ecco le loro più significative prese di posizione in pubblico a proposito della richiesta di verità, in questo blob volutamente non cronologico di Manolo Lanaro

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

SALVIMAIO

di Andrea Scanzi 12€ Acquista
Articolo Precedente

Conte a Merkel nel fuorionda di Piazzapulita: “M5s in sofferenza perché cala nei sondaggi e Salvini sale”

next