Ieri i primi cittadini europei hanno potuto acquistare i farmaci prescritti dal loro medico di famiglia, nelle farmacie di un altro paese dell’UE. A dare il via a questa rivoluzione sono Finlandia ed Estonia, con i cittadini del primo paese che possono servirsi nelle farmacie del secondo. Entro il 2021 tutti i cittadini dei 22 Stati membri dell’Unione Europea dovranno poter fare altrettanto, italiani compresi.

Il servizio relativo alle farmacie si chiama ePrescription (ed eDispensation), che insieme a quello Patient Summary fa capo alla nuova eHealth Digital Service Infrastructure (eHDSI), l’infrastruttura unica europea di servizi digitali per l’assistenza sanitaria, voluta dalla Commissione Europea.

Foto: Depositphotos

 

Comprende quelli che vengono definiti “servizi sanitari elettronici transfrontalieri” e mira a garantire la continuità dell’assistenza sanitaria a tutti i cittadini europei che viaggiano all’interno dell’UE, ma al di fuori del proprio paese di provenienza. Più in dettaglio, ePrescription (ed eDispensation) è quello a cui abbiamo accennato all’inizio: permette ai cittadini dell’UE di ritirare le proprie medicine anche nelle farmacie di un altro paese dell’UE che hanno aderito all’iniziativa. Il come è presto detto: la prescrizione dev’essere elettronica e non cartacea, e una volta fatta dev’essere trasferita online sulla piattaforma eHealth. Così facendo sarà visibile elettronicamente ai farmacisti partecipanti nel paese di destinazione del viaggio. Non serve la ricetta cartacea.

I lettori più attenti avranno notato che e-prescription non è un termine nuovo: anche in Italia identifica la ricetta elettronica, che è obbligatoria dal 1 marzo 2016. I medici continuano a consegnare ai pazienti “il promemoria”, ossia una versione cartacea. Di fatto però quando prescrivono un farmaco, un accertamento o una visita, i medici si collegano allo stesso sistema informatico visibile dal farmacista. E il paziente può ritirare i farmaci anche nelle farmacie di una regione differente da quella in cui risiede.

Il Patient Summary è semplicemente la “cartella clinica elettronica” (in Italia Fascicolo Sanitario Elettronico). Un file unico, accessibile a tutto il personale medico dell’Unione Europea, in cui sono ricapitolate le informazioni sugli aspetti più rilevanti della salute di un paziente. Per esempio, allergie, patologie cliniche, farmaci attualmente in uso, malattie pregresse, interventi chirurgici subiti, eccetera. Questo è importante perché un paziente potrebbe avere bisogno di cure mediche mentre si trova all’estero, ma potrebbe avere difficoltà a “raccontare” la sua storia clinica nella lingua locale. Pensiamo ad esempio di avere bisogno di cure in Svezia e di dover spiegare al medico che siamo allergici al paracetamolo. Una volta che il Patient Summary sarà attivo, al medico basterà collegarsi alla piattaforma eHealth e consultare la cartella del paziente per avere un quadro esaustivo di partenza. Le autorità per la sanità elettronica nell’UE hanno già dato il via libera per il Patient Summary a Repubblica ceca e Lussemburgo, che possono ricevere le cartelle cliniche dei cittadini stranieri.

Foto: Depositphotos

 

Andrus Ansip, Vicepresidente per il mercato unico digitale, ricorda che “la libera circolazione è un principio fondatore dell’UE: dobbiamo facilitare il più possibile alle persone l’ottenimento di cure o medicinali quando si trovano nell’UE”. Vytenis Andriukaitis, commissario per la salute e la sicurezza alimentare, aggiunge che “la condivisione delle prescrizioni e delle cartelle cliniche è fondamentale per la sicurezza dei pazienti, in quanto può aiutare i medici a capire la storia clinica di un paziente straniero, riducendo il rischio di somministrare farmaci non corretti, e senza bisogno di perdere tempo in test già fatti nel proprio paese”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L'abbiamo deciso perchè siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un'informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Multa da record per Google dalla Francia: 50 milioni di euro per informazioni poco chiare sull’uso dei dati

next
Articolo Successivo

Cantante sgradito? Spotify studia la funzione per bloccarlo

next