Convocati dal ministero dei Trasporti per una richiesta urgente di “chiarimenti”. I presidenti della Autorità di sistema portuale del Mar Ligure orientale, del Mare Adriatico settentrionale e del Mar Tirreno centrale sono stati chiamati per un colloquio al dicastero guidato dal grillino Danilo Toninelli per spiegare le loro dichiarazioni dei giorni scorsi, quando, interpellati dalla stampa sul caso delle navi ong bloccate nel Mediterraneo, hanno detto che “i porti non erano chiusi”. Durante l’incontro, a cui ha partecipato anche il viceministro della Lega Edoardo Rixi, “è stato rappresentato il disappunto del ministro Toninelli per le dichiarazioni rese alla stampa” dai presidenti sul tema migranti. A dirlo è lo stesso ministero dei Trasporti con una nota ufficiale.

Nelle dichiarazioni, sottolinea il Mit, “i suddetti presidenti si sono espressi con toni e frasario estranei all’ambito delle funzioni ad essi istituzionalmente affidate”. I presidenti, conclude la nota, “hanno espresso condivisione con gli indirizzi del ministero, nei perimetri delle proprie competenze. L’auspicio del ministero e del ministro è dunque che non si ripetano in futuro ulteriori casi analoghi a quelli avvenuti negli scorsi giorni sul tema dei migranti”. Il presidente dell’Autorità portuale dell’Adriatico settentrionale, Pino Musolino, aveva per esempio affermato che “sotto il profilo squisitamente tecnico i porti italiani non sono chiusi”. Anche la presidente dell’Autorità di Sistema Portuale del Mar Ligure Orientale Carla Roncallo aveva annunciato: “Il porto della Spezia, come quello di Marina di Carrara non sono chiusi come, ritengo, non lo siano gli altri porti italiani”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Sea Watch, Conte: “Su immigrazione governo compatto, serve linea di rigore. Unione europea rispetti impegni”

prev
Articolo Successivo

Carige, Paragone (M5s): “Pd tutelava padri, amici e salotti: noi i risparmiatori. Ora i dem stiano zitti”

next