Il corpo senza vita Mattia Mingarelli, 30enne di Albavilla (Como), è stato trovato in un bosco della Valmalenco. Non si conoscono, al momento, le cause del decesso. Sul luogo del ritrovamento carabinieri, polizia e vigili del fuoco. Il giovane rappresentante di commercio, lo scorso 7 dicembre, aveva raggiunto la zona del rifugio Barchi per trascorrere in quell’area il weekend dell’Immacolata, ma da allora si erano perse le sue tracce. Era stato a lungo interrogato, come persona informata sui fatti, il gestore del rifugio alpino della zona, l’ultimo che l’avrebbe visto prima della misteriosa sparizione.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Catanzaro, uccisa coppia in tabaccheria: fermato il cognato della donna che era il suo ex. Femminicidio ad Alghero

prev
Articolo Successivo

Catania: aspetta la ex moglie sotto casa e la uccide, poi si suicida. Erano separati da sei anni

next