Si è spento questa mattina all’età di 72 anni Felice Pulici, portiere della Lazio che conquistò lo scudetto nella stagione 1973/1974. Fu il primo dei due campionati vinti dalla società biancoceleste. Pulici ha vestito la maglia laziale per sei anni e nel 1983 ha anche allenato la Primavera, per poi entrare nello staff societario, ricoprendo vari ruoli dirigenziali. Ha indossato anche le maglie di Novara, Lecco, Monza e Ascoli. Avrebbe compiuto 73 anni il prossimo 22 dicembre.

La Lazio ha espresso il suo cordoglio su Twitter: “La S.S. Lazio, il suo Presidente, l’allenatore, i giocatori e tutto lo staff esprimono profondo cordoglio per la scomparsa di Felice Pulici, portiere della squadra biancoceleste che nel 1974 vinse il primo storico Scudetto“.

“Condoglianze ai familiari, perdiamo un grande laziale ed un grande uomo”, dice l’attuale allenatore della squadra biancoceleste, Simone Inzaghi.“La sua scomparsa è una tragica notizia che tocca tutto il mondo Lazio -aggiunge Inzaghi in conferenza alla vigilia del match con l’Atalanta –  Ho un ricordo bellissimo di Felice, quando sono arrivato era un dirigente molto vicino a noi giocatori ed è stato importante per le nostre vittorie”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Milano, calcio amatoriale: denuncia aggressione e viene squalificato per non aver chiesto alla Figc il permesso di farlo

prev
Articolo Successivo

Serie A, l’ultima frontiera del calcio spezzatino è il posticipo del martedì. Ma almeno il Milan respirerà l’aria di Coppa

next