I monitor per i professionisti si evolvono, e con la nuova gamma Dell esordiscono quattro nuovi modelli, tutti con connettore USB-C. Le innovazioni riguardano anche design, costruzione e ingombro sulla scrivania, oltre a tecnologie che consentono una visualizzazione d’eccellenza sui top di gamma. Li abbiamo visti dal vivo durante l’evento londinese di presentazione, e siamo rimasti particolarmente colpiti dal modello UltraWide da 49 pollici.

Il nome ha poco di affascinante: Dell 49” Ultrawide QHD U4919DW, ma porta con sé molti punti d’interesse. Primo fra tutti il fatto che ha un rapporto di forma di 32:9 (molto allungato in orizzontale), di cui beneficiano categorie particolari di professionisti come gli operatori finanziari e in generale coloro che già lavorano con due monitor da 27 pollici, come per esempio gli editor video e i grafici.

L’area di visione permette infatti di monitorare una grandissima quantità di dati, senza schierare tanti monitor affiancati. Da non sottovalutare poi il fatto che è il primo monitor al mondo dotato di risoluzione QuadHD (5.120 x 1.440 pixel). Anche qui, significa che con un solo prodotto si possono visualizzare le informazioni che fino a ieri richiedevano due monitor affiancati da 27 pollici con risoluzione QHD.

Impressionano poi le cornici spesse solo 6 millimetri e la curvatura. Perché sia importante la porta USB C è presto detto: può ricaricare e trasmettere dati e segnale video dalla maggior parte dei portatili. Se volete rimanere a bocca aperta, guardate il più lussuoso dei possibili setup, mostrato da Dell: due monitor da 49 pollici, uno sopra l’altro, affiancati da altri quattro monitor da 27 pollici. Quello che si dice ottimizzazione dello spazio senza sacrificare l’area di visualizzazione. Il prezzo di 1.390 euro IVA esclusa non è certo a buon mercato, ma del resto la qualità si paga.

Dell Monitor 4K HDR U3219Q

 

Se volete spendere meno puntate sull’ottimo ma meno pretenzioso Dell Monitor 4K HDR U3219Q, che costa 975 euro IVA esclusa. Offre un pannello da 32 pollici con risoluzione 4K e tecnologia HDR (High Dynamic Range) che rende i colori più ricchi, i bianchi più luminosi e i neri più profondi. Anche in questo caso è presente il connettore USB C. Oltre a regolare l’altezza del monitor rispetto al piedistallo è possibile anche ruotarlo per usarlo in modalità verticale. In ultimo, è da notare la luminosità di 400 candele al metro quadro, che è un valore molto alto.

Se il vostro monitor ideale dovrebbe avere dimensioni di 34 pollici e occupare meno spazio possibile sulla scrivania, allora potete optare per il Dell 34 pollici 21:9 U3419W. È un modello curvo con formato 21:9 con una base particolarmente minuta, che supporta comunque molte regolazioni. Il pannello ha una risoluzione di 3.440 x 1.440 pixel e garantisce una copertura dello spazio colore sRGB del 99%. Il prezzo di listino è di 1084 euro senza IVA.

Dell 34 pollici 21:9 U3419W

 

Chiudiamo con le due soluzioni meno costose, il Dell Ultrasharp da 27 U2719DC e il 24 pollici U2419HC. Costano rispettivamente 585 e 321 euro nella versione con USB C. Il 24 pollici è disponibile anche senza USB C a 275 euro. Sono due proposte di fascia media che non rinunciano alla connettività USB C e ad un pannello di tipo IPS, rispettivamente da 27 e 24 pollici, con un’elevata qualità. Il primo offre una risoluzione QHD (2560 x 1440 pixel), l’altro si ferma al Full HD (1920 x 1080 pixel). Molto particolare il sostegno del modello da 27 pollici, che presenta uno snodo centrale per regolare altezza, inclinazione e rotazione con estrema facilità.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Successivo

“Serve” è il robot con gli occhioni luminosi che fa le consegne a domicilio

next