Marco Minniti ha ritirato la sua candidatura a segretario del Pd. Un gesto compiuto “per salvare il partito“, ha detto l’ex ministro dell’Interno. “Quando ho dato la mia disponibilità alla candidatura sulla base dell’appello di tanti sindaci e di molti militanti che mi hanno incoraggiato e che io ringrazio moltissimo, quella scelta poggiava su due obiettivi: unire il più possibile il nostro partito e rafforzarlo per costruire un’alternativa al governo nazionalpopulista“, ha detto l’ex esponente dei Ds in un’intervista a Repubblica. A influenzare la decisione di Minniti, c’è stata sicuramente anche la scarsa convinzione di Matteo Renzi nel sostenerlo e sopratutto le ipotesi sempre più insistenti di una scissione renziana. Messaggi di apprezzamento per il passo indietro sono arrivati dagli altri candidati alla segreteria. “Marco ha fatto”, ha detto Nicola Zingaretti, “una scelta di grande coerenza e responsabilità rispetto alle cose che aveva detto fino a oggi, cioè un impegno con spirito di servizio per provare a unire. Io penso che comunque rimanga una straordinaria risorsa che farà parte, per quanto mi riguarda, di un nuovo gruppo dirigente che dovremmo ricostruire dopo il congresso”. Per Maurizio Martina invece, la scelta di Minniti “va rispettata integralmente da tutti”: “Credo oggi più di ieri che vadano rilanciate ostinatamente le ragioni del nostro stare assieme contro questa destra pericolosa per il paese e sono certo che Marco darà ancora il suo contributo prezioso alla nostra causa principale”.

“Troppi candidati, nessuno al 51%” – Il problema, però, è legato alle tante candidature arrivate per installarsi al vertice del Nazareno. “Resto convinto in modo irrinunciabile che il congresso ci debba consegnare una leadership forte e legittimata dalle primarie”, dice Minniti spiegato che “tutto questo con così tanti candidati potrebbe non accadere. Il mio è un gesto d’amore verso il partito“. Vista la presenza di diversi contendenti per la segreteria dem, infatti, “si è palesato il rischio che nessuno raggiunga il 51%. E allora arrivare così al congresso dopo uno anno dalla sconfitta del 4 marzo, dopo alcune probabili elezioni regionali e poco prima delle europee, sarebbe un disastro. Sarebbe la prima volta che un segretario del Pd viene eletto senza la maggioranza”, il che equivarrebbe ad “accettare l’idea di un partito che sia solo una confederazione di correnti”.

Lo strappo. Renzi verso la scissione – Insomma alla fine neanche l’incontro di ieri con Luca Lotti e Lorenzo Guerini ha rassicurato il senatore, che doveva essere sì un “candidato autonomo” ma appoggiato dall’area renziana. Minniti, però, non si fida di Matteo Renzi, che nelle ultime ore ha continuato a ripetere di non occuparsi di congresso. Di più: l’ex segretario sta lavorando alla sua possibile uscita dal partito. E infatti – sempre secondo il quotidiano di largo Fochetti – lo strappo con i renziani è arrivato quando Minniti ha chiesto a Lotti un documento anti scissione con scritto: “Il Pd è e sarà sempre casa nostra”. L’ex premier ha fatto sapere che una carta del genere non poteva firmarla. Renzi, infatti, avrebbe saputo che Carlo Calenda ha commissionato un corposo sondaggio: segno che anche l’ex ministro pensa a un suo partito. L’ex segretario ha quindi deciso di accelerare il suo progetto di scissione, varando già a gennaio un soggetto che raccolga quel che resta di Forza Italia – come aveva anticipato Paolo Romani al Fatto Quotidiano – muovendosi in un’area di centro antisovranista e in contrapposizione al Movimento 5 stelle. In mattinata è anche uscito un articolo su Dagospia in cui si ipotizzava che l’iniziativa di Sandro Gozi del prossimo 16 dicembre sarebbe l’assemblea costitutiva di Cittadini 2019, ipotetica nuova formazione di Renzi. L’ipotesi è stata smentita ufficialmente dall’ufficio stampa di Renzi.

Renzi: “Non mi preoccupo del Pd. Rischio in prima persona” – Un’ipotesi che Renzi, in un lungo post su facebook non smentisce: “Io – scrive – non mollo di un centimetro la mia battaglia contro i cialtroni che stanno mandando l’Italia in recessione. Ma non chiedetemi di stare dietro alle divisioni del Pd perché non le capisco, non le condivido, non mi appartengono”. L’ex premier specifica di non volere più alcun impegno nel Pd: “Da mesi non mi preoccupo della Ditta Pd: mi preoccupo del Paese. Che è più importante anche del Pd.  Tutti i giorni ho fatto sentire la mia voce contro il Ministro Sciacallo, Salvini. E contro il Ministro Prestanome, Di Maio. Non mi nascondo, io. Se devo fare una battaglia la faccio a viso aperto, io. Ma proprio per questo ho detto ai miei amici: non farò mai il capo di una corrente. Faccio una battaglia sulle idee, non per due poltrone interne. Per me le correnti sono la rovina del Pd. Le correnti potevano andar bene nei partiti del Novecento: nella Dc o nel Pci. Oggi le correnti non elaborano idee ma proteggono gruppi dirigenti. E tutta la mia esperienza, fin dai tempi delle primarie da Sindaco, dimostra che io sono abituato a rischiare in prima persona, non a chiedere il permesso a qualcuno. Per cui: chiedetemi tutto ma non di fare il piccolo burattinaio al congresso del Pd”. Nel suo lungo post, tra l’altro, Renzi non solo non smentisce ogni ipotesi di scissione ma una diretta Facebook per il pomeriggio.

“Scissione sarebbe regalo ai populisti” – “Le scissioni – dice Minniti –  sono sempre un assillo. Il Pd ha pagato un prezzo altissimo a congressi cominciati e mai finiti. Spero che non ci sia alcuna scissione, sarebbe un regalo ai nazionalpopulisti”. Ma con l’ex premier come sono i suoi rapporti? “Con Renzi non ci siamo sentiti. Spero davvero che nessuno pensi a una scissione. Si assumerebbe una responsabilità storica nei confronti della democrazia italiana. Indebolire il Pd significa indebolire la democrazia italiana”, rimarca. “Mai come adesso rischiamo uno slittamento. Mai come adesso le differenze tra i partiti sono tanto nette”.

Il sondaggio: Zingaretti al 42% – Il ritiro di Minniti arriva quando alla sua candidatura è accreditato un consenso pari al 26% dei voti. Almeno un sondaggio Emg Acqua presentato ad Agorà: Nicola Zingaretti è dato in testa alle preferenze con il 42%, secondo c’è appunto l’ex ministro dell’Interno (in calo di due punti rispetto a settimana scorsa) in terza posizione Maurizio Martina che guadagna tre punti e sale al 22%. Seguono Cesare Damiano con il 4%, Francesco Boccia con il 3%, Maria Saladino con il 2%, Dario Corallo è all’1%.

Salvini: “Dispiace non ci sia opposizione” – Il primo a commentare il ritiro è il successore di Minniti al Viminale: Matteo Salvini. “Mi spiace che non ci sia un’opposizione in Parlamento, perchè il Governo lavora meglio se ha un’opposizione in salute e costruttiva. Ma in casa del Pd ogni giorno ne succede una. Mi spiace per il Pd e per gli italiani che in una sinistra seria ci credevano. Mi auguro che escano velocemente da questo buio”. ha detto il leader della Lega a Radio Anch’io su Radio 1.

Delrio: “Abbandono Renzi frattura sentimentale” – A raccogliere reazioni, però, è soprattutto l’ipotesi di scissione imminente del Pd da parte di Matteo Renzi. “Certamente sarebbe una grave frattura sentimentale perché è stato un pezzo importante del Pd in questi anni e credo pure della storia di questo Paese”, dice Graziano Delrio, capogruppo del Pd alla Camera, ospite di ‘Agorà’ su Raitre. “Credo – aggiunge – che non si possa cancellare ciò che Renzi ha fatto, ma certamente la sua uscita non sarebbe indolore per noi”. Commenta l’operazione anche Calenda, che su twitter scrive: “Il centro sinistra è diventato un asilo d’infanzia all’ora di ricreazione dove tutto è personale e puerile. E se questa è l’eredità politica di questo cinque anni siamo stati un vero disastro”. Quindi l’ex ministro dello Sviluppo economico si rivolge direttamente all’ex premier e segretario Pd: “Cosa vuoi fare?”.