Avevano ucciso due giovani crivellando la loro auto dopo un inseguimento a tutta velocità nell’hinterland milanese. Ora cinque albanesi sono stati condannati dal tribunale di Busto Arsizio a pene dai 16 a 20 anni. E’ stato il giudice per l’udienza preliminare Piera Bossi a ritenere Edmond, Elidon e Pjeter Lleshaj, Eduard Nikolli e Fation Stojan – tutti albanesi – responsabili dell’omicidio di due cugini, connazionali, Agron e Alban Lleshaj, avvenuto nella notte tra il 9 e il 10 novembre 2016. Per i cinque imputati il procuratore aggiunto Giuseppe D’Amico aveva chiesto la condanna all’ergastolo, contestando la premeditazione. L’aggravante però è stata rigettata dal giudice.

Le due vittime – entrambi con precedenti penali per droga – all’epoca dei fatti avevano 36 e 29 anni: furono trovati morti a Canegrate, in provincia di Milano, dentro a una Volkswagen Polo che si ribaltò, finì la sua corsa contro una palazzina e infine fu crivellata con 7-8 colpi di pistola.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Cucchi, Anticorruzione indaga sulle ritorsioni a Casamassima: “Accertare violazione legge sul whistleblowing”

prev
Articolo Successivo

Verdini rinviato a giudizio: “300mila euro al suo partito e lui sponsorizzò il giudice corrotto per il Consiglio di Stato”

next