/

Ruby, pm di Milano valutano indagini su dichiarazioni ex legale: “Da Berlusconi 5 milioni”. Ipotesi rogatoria in Messico

di | 5 dicembre 2018
Ruby, pm di Milano valutano indagini su dichiarazioni ex legale: “Da Berlusconi 5 milioni”. Ipotesi rogatoria in Messico

Gli investigatori decideranno nei prossimi giorni come muoversi. Le nuove indagini sono legate alle dichiarazioni dell’avvocato Egidio Verzini, ex legale di Ruby che ieri ha parlato del denaro che sarebbe stato versato dall'ex premier alla ragazza "tramite la Commercial Bank di Antigua". Verzini ha tirato in ballo anche Ghedini, che ha annunciato querele. "Le querele per calunnia prospettate dal collega Ghedini non avranno alcun esito in quanto tutto corrisponde a verità", replica l'ex difensore della giovane marocchina

La procura di Milano sta valutando l’apertura di nuove indagini per appurare se davvero Silvio Berlusconi ha pagato con 5 milioni di euro Ruby Rubacuori. I pm potrebbero anche chiedere una nuova rogatoria in Messico, paese in cui sarebbe arrivato il tesoro. Gli investigatori decideranno nei prossimi giorni come muoversi. Le nuove indagini sono legate alle dichiarazioni dell’avvocato Egidio Verzini, ex legale di Ruby che ieri ha parlato del denaro che sarebbe stato versato dall’ex premier alla ragazza “tramite la Commercial Bank di Antigua“: in particolare 2 milioni “sono stati dati a Luca Risso”, ex compagno di Ruby, e 3 “sono stati fatti transitare dal Messico a Dubai e sono esclusivamente” della ragazza di origine marocchina. Verzini ha chiamato in causa lo storico difensore dell’ex premier, Niccolò Ghedini, che avrebbe gestito “l’operazione con la collaborazione di Luca Risso (messo al fianco di Ruby per controllarla)“. Dichiarazioni che Ghedini ha definito come “destituite di qualsiasi fondamento” annunciando l’intenzione di voler denunciare l’ex avvocato di Ruby.

“Le querele per calunnia prospettate dal collega Ghedini non avranno alcun esito in quanto tutto corrisponde a verità. Reputo che ad un certo punto della nostra vita la verità vada detta. Facendo ovviamente una seria valutazione tra i doveri professionali e i doveri etici e morali”, ha replicato Verzini. Che aveva già formalizzato le sue accuse sulle pagine de L’Espresso quattro anni fa. Adesso, però, adesso i pm stanno vagliando la possibilità di indagini integrative collegate al processo in corso a Milano sul caso Ruby ter che vede imputati Berlusconi per corruzione in atti giudiziari e altre 27 persone, tra cui la giovane marocchina. A partire dalle nuove dichiarazioni di Verzini, già sentito nel corso delle indagini e teste indicato dai pm nel processo, gli inquirenti potrebbero decidere di approfondire alcuni aspetti della versione del legale. Anche Ghedini era tra gli indagati dell’inchiesta Ruby ter: la sua posizione è stata poi archiviata.

Che aveva difeso Ruby tra giugno e luglio 2011. Il primo processo Ruby, che  si è concluso con un’assoluzione definitiva, era iniziato in aprile. Alcuni mesi dopo Verzini comunicò che era “venuto meno il rapporto di fiducia” con Karima El Mahroug (la ragazza in una intercettazione diceva che doveva fingersi pazza per avere soldi e fama). E un paio di anni dopo raccontò che Ruby voleva “costituirsi parte civile” ma che c’erano “stati degli interventi esterni”. “Dopo lunga ed attenta valutazione – ha scritto l’avvocato ieri in una nota– reputo mio dovere etico e morale rendere pubblico ciò che si è realmente verificato nella vicenda Ruby, perciò ho deciso autonomamente di rinunciare all’obbligo del segreto professionale assumendomi ogni responsabilità”. La “operazione Ruby”, sostiene, “interamente diretta dall’avvocato Ghedini con la collaborazione di Luca Risso (messo al fianco di Ruby per controllarla), prevedeva in origine il pagamento” di “7 milioni di euro, di cui 1 milione per me ed 1 milione per la persona incaricata da Ghedini di accompagnarmi nell’operazione”.

Dopo aver “analizzato la situazione”, aggiunge, “ho proposto una linea difensiva diversa (legale e non illegale) che prevedeva la costituzione di parte civile nei confronti di Emilio Fede e, al momento del pagamento, conseguente rinuncia, proposta che Ruby aveva condiviso ed accettato. La mia proposta – spiega ancora – è stata rigettata da Ghedini-Risso, pertanto non ho proseguito nell’operazione come da loro prospettata, in quanto il rischio professionale e personale per me era altissimo”.

Verzini afferma che Ruby, poi, “ha ricevuto un pagamento di 5 milioni di euro eseguito tramite la banca Antigua Commercial Bank di Antigua su un conto presso una banca in Messico nella località di Playa del Carmen, di cui però non conosco il nome”. I soldi arrivati in Messico, secondo il legale, sono stati suddivisi: “2 milioni di euro sono stati dati a Luca Risso, il quale ha acquistato il ristorante Sofia a Playa del Carmen, una villa a Playa del Carmen e un terreno edificabile sull’isola di Cozumel (tutto ciò è di proprietà esclusiva di Risso, Ruby non c’entra nulla); 3 milioni di euro sono stati fatti transitare dal Messico a Dubai e sono esclusivamente di Ruby”. Berlusconi, conclude il legale, “era a conoscenza sin dall’inizio della minore età di Ruby, motivo per cui ha elargito il denaro”. Ma la Cassazione, nella motivazioni in cui confermava l’assoluzione decisa dai giudici di secondo grado, sosteneva che l’ex premier non era a conoscenza “della minore età” di Ruby. In primo grado invece i giudici lo avevano condannato a 7 anni.

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

×

Fabrizio Corona, il Procuratore di Milano fa ricorso in Cassazione: “Deve tornare in carcere”

»
Articolo Successivo

Csm, nove magistrati si candidano per la successione di Spataro alla procura di Torino: c’è anche Palamara

«
Articolo Precedente

Gentile lettore, la pubblicazione dei commenti è sospesa dalle 20 alle 9, i commenti per ogni articolo saranno chiusi dopo 72 ore, il massimo di caratteri consentito per ogni messaggio è di 1.500 e ogni utente può postare al massimo 150 commenti alla settimana. Abbiamo deciso di impostare questi limiti per migliorare la qualità del dibattito. È necessario attenersi Termini e Condizioni di utilizzo del sito (in particolare punti 3 e 5): evitare gli insulti, le accuse senza fondamento e mantenersi in tema con la discussione. I commenti saranno pubblicati dopo essere stati letti e approvati, ad eccezione di quelli pubblicati dagli utenti in white list (vedere il punto 3 della nostra policy). Infine non è consentito accedere al servizio tramite account multipli. Vi preghiamo di segnalare eventuali problemi tecnici al nostro supporto tecnico La Redazione

Csm, nove magistrati si candidano per la successione di Spataro alla procura di Torino: c’è anche Palamara
Fabrizio Corona, il Procuratore di Milano fa ricorso in Cassazione: “Deve tornare in carcere”

•Ultima ora•

×

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy

×