È durata pochi minuti la prima udienza del processo per riciclaggio che vede imputati, tra gli altri, anche l’ex presidente della Camera, Gianfranco Fini, la sua compagna Elisabetta Tulliani e il fratello di quest’ultima Giancarlo Tulliani.

I giudici della IV sezione penale hanno stralciato la posizione dell’imprenditore Francesco Corallo, considerato come il “re delle slot”, accogliendo alcune eccezioni presentate dai difensori relative alla mancata notifica dell’udienza preliminare. Il tribunale ha quindi rinviato gli atti al gup che dovrà nuovamente pronunciarsi sull’eventuale rinvio a giudizio.

I giudici, che hanno aggiornato il processo al prossimo 12 febbraio, hanno respinto le richieste dello stesso Fini e degli altri imputati che chiedevano di trasmettere gli atti al gup anche per le loro posizioni per non scinderle rispetto a quella di Corallo che, a loro dire, rappresenta una figura centrale nella vicenda. Al centro del processo, che vede imputate dieci persone, anche l’operazione di compravendita di un appartamento a Montecarlo, lasciato in eredità dalla contessa Annamaria Colleoni ad Alleanza Nazionale. La Procura contesta, a vario titolo, i reati di associazione a delinquere finalizzata al peculato, riciclaggio e evasione fiscale.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Jessica Valentina Faoro, pm Milano chiede l’ergastolo per il tranviere. La difesa: “Incapace di intendere”

prev
Articolo Successivo

Bollate, il carcere modello resterà senza direttore definitivo per un anno. I timori degli operatori: “Rischio frenata attività”

next