Si nutrono di metano e altri idrocarburi e potrebbero aiutare a ridurre le emissioni di gas che surriscaldano l’atmosfera. È quanto emerge dallo studio – pubblicato sulla rivista Nature da un gruppo dell’Università americana del Texas, ad Austin, coordinato da Brett Baker – che ha portato alla scoperta di 22 nuove specie di microrganismi sui fondali oceanici.

Per la ricerca è stato utilizzato il sottomarino americano Alvin – impiegato anche per l’analisi del relitto del Titanic – che ha documentato la presenza di un’estrema diversità nelle comunità microbiche che vivono nei sedimenti dei fondali del bacino di Guaymas, una depressione oceanica nel Golfo di California, a largo della costa dello stato messicano di Sonora. I ricercatori si sono spinti fino a 2mila metri di profondità, dove l’attività vulcanica sottomarina riscalda le acque, e con l’aiuto di sequenziatori genetici e di computer hanno trovato 551 diversi tipi di Dna, 22 dei quali, appunto, appartenenti a nuove specie.

“Pensiamo che sia solo la punta di un iceberg” ha commentato Brett Baker. “Lo studio dimostra – continua il coordinatore del gruppo di ricercatori – che i fondali oceanici nascondono una sorprendente biodiversità, ancora in gran parte inesplorata. I sedimenti marini ospitano molti microrganismi, geneticamente diversi da quelli conosciuti, in grado di nutrirsi di pericolosi gas serra, evitando che siano liberati nell’atmosfera”.

L’abstract su Nature

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Usa, amministrazione Trump: “Senza una svolta il cambiamento climatico costerà miliardi”. Ma il presidente non ci crede

prev
Articolo Successivo

Portofino, alberi tagliati e tubi nel parco per uscire dall’isolamento. Italia nostra: “La strada non è finita, ma è già inutile”

next