Sapere è Potere: i Decenni” è la nuova edizione del quiz game per Play Station 4 Sapere è Potere incentrata sulla cultura popolare degli anni ’80, ’90, 2000 e 2010, che immerge i giocatori in un’esperienza a cavallo tra Trivial Pursuit ed i quiz show televisivi.

Come il suo predecessore, anche i Decenni rientra nella collana PlayLink, dedicata ai giochi che permettono ai giocatori di partecipare utilizzando il proprio smartphone o tablet come controller dedicati, richiedendo dunque a ciascun partecipante (da 2 a 6) di installare sul proprio dispositivo l’apposita companion app e di connettersi alla medesima rete a cui è connessa la console, o in alternativa di utilizzare la PlayStation stessa come hotspot.

Una volta completato il setup, ciascun giocatore potrà scegliere uno tra gli 8 personaggi a disposizione (ognuno rappresentante la caricatura di uno stereotipo dei periodi interessati) e personalizzarne il volto scattandosi un selfie.

Ogni partita, come in uno show televisivo, vedrà il presentatore guidare i partecipanti nel gioco alternando il quiz vero e proprio, in cui i player accumulano punti in base alla correttezza e velocità della risposta (scelta tra le quattro sul proprio schermo), a fasi di scelta, in cui i partecipanti potranno esprimere la propria preferenza sul periodo storico (anni ’80, ’90, 2000 e 2010) o sulla categoria delle domande successive (variando da sport e tecnologia a cultura popolare, musica e cinema), e sfide, vari minigiochi tramite cui i partecipanti potranno accumulare punti aggiuntivi.

Completata la prima parte del quiz i giocatori accederanno alla “Piramide del Sapere“, la fase finale del gioco che eleggerà vincitore della partita il primo ad arrivare in cima alla scalinata: per salire bisognerà rispondere correttamente alla domande, vedendo i player ricevere un bonus di gradini in base alla prestazione nella prima parte. Oltre alla modalità standard è possibile affrontare una partita di solo quiz, niente sfide, o una partita di sole sfide, quindi niente quiz.

Ad aggiungere pepe al gioco sono i “poteri”, dei malus che ciascun giocatore potrà dare ad uno dei propri avversari all’inizio del turno, per rallentarne il tempo di risposta (importante nell’attribuzione del punteggio) nel tentativo di guadagnare un vantaggio nei confronti ad esempio di quello più preparato. Tra i poteri disponibili troviamo: le cerniere (le risposte sullo schermo del malcapitato saranno chiuse da una Zip, richiedendogli uno swipe per scoprirle), le luci stroboscopiche, le lettere ballerine (che rendono difficoltosa la lettura), e vari altri.

Nella nostra prova abbiamo avuto modo di apprezzare l’intuitività d’utilizzo, swipe e tap su un touchscreen sono ormai operazioni comuni, che permette sicuramente al titolo di essere apprezzato anche da coloro che non hanno familiarità con il controller, il tutto unito ad una buona varietà di domande ed argomenti, tra cui -giocando in italiano – alcune dedicate particolarmente al pubblico nostrano, come quelle su cantanti e serie tv nazionali. Volendo trovare il pelo nell’uovo, l’unica cosa che non abbiamo apprezzato è la mancanza di una funzione che permetta di saltare animazioni ed intermezzi tra le fasi di gioco, che allungano più del necessario la partita.

Sapere è Potere: i Decenni è in vendita sia in versione digitale sullo store PlayStation, sia in versione fisica, ad un prezzo abbastanza contenuto, 19,99€, che lo rendono un’ottima scelta se siete in cerca di un titolo da giocare in famiglia durante le festività natalizie come alternativa ai giochi da tavolo, con il vantaggio di non dover spacchettare (e poi rimpacchettare) il tutto.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Sceneggiatori, un algoritmo è pronto a sostituirli. E non è una buona notizia

next
Articolo Successivo

Cyber Monday 2018, i migliori sconti Amazon per chi non ha approfittato del Black Friday

next