Lo scontro tra Salvini e Di Maio sugli inceneritori? “Lunedì saremo nella Terra dei fuochi, affronteremo il problema in modo organico e ne avrete di nuove”. Così ha tagliato corto il premier Giuseppe Conte, rispondendo alle domande dei cronisti nel piazzale antistante Palazzo Chigi. In merito al vertice sul decreto fiscale, invece, il premier ha precisato come l’esecutivo “abbia convenuto di introdurre una nuova previsione che riguarda la possibilità di sanare le irregolarità meramente formali”. E ancora: “Abbiamo, quindi, completato quello che è il disegno di pacificazione fiscale. E valutato che non c’è necessità di mantenere in vita quella dichiarazione integrativa che riguardava anche il non dichiarato“, senza però spiegare il motivo della decisione inaspettata, che già aveva creato importanti fratture tra le due forze dell’esecutivo. “In prospettiva introdurremo anche l’inasprimento delle pene, per quanto riguarda i reati fiscali e completeremo il disegno di riforma fiscale”, ha poi concluso Conte.
close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Euro, Bifarini vs De Romanis: “Sono per l’uscita dalla moneta unica ma non dalla Ue”. “Questo non è possibile”

prev
Articolo Successivo

Anticorruzione, nomi pubblici dei donatori: la Lega vuole alzare la soglia del finanziamento. Scontro con il M5s

next