L’esercitazione Nato in Norvegia “serve per mantenere la pace”: lo ha detto all’Ansa il colonnello Giuseppe Scuderi, che comanda il 187/o reggimento dei paracadutisti della ‘Folgore‘.  “Ci addestriamo per essere in grado di assicurare una difesa sempre più efficiente, sempre più integrata e capace di cooperare con i nostri alleati”, ha spiegato il colonnello, mentre la sua brigata avanzava tra boschi nell’area di Alvdal.

Trident Juncture 18‘, da oggi a mercoledì, prevede la simulazione realistica della ‘liberazione’ della Norvegia dalle forze di invasione ‘nemiche’.  Con le donne e gli uomini del reggimento, schierato negli ultimi due decenni su tutti i principali teatri di impegno delle forze militari italiane.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Casteldaccia, ricorso al Tar dei proprietari della villetta abusiva estinto nel 2011. Da allora poteva essere abbattuta

next
Articolo Successivo

Confcommercio, l’sms dell’ex segretaria di Sangalli: “Mi sono dovuta difendere dalle sue molestie”. E spunta un video del 2012

next