“Charlotte non sopporta che il suo compagno faccia l’amore con lei mentre dorme. Secondo voi è normale? Ne parliamo questa sera alle 22″. La domanda, posta sotto forma di sondaggio agli ascoltatori dell’emittente Fun Radio France, ha sollevato un ampio dibattito sulla consapevolezza del concetto di viol conjugal, lo stupro tra coniugi. Le polemiche hanno portato alla cancellazione del tweet e anche della trasmissione annunciata, ma le risposte al sondaggio non erano affatto così nette: il 49% considerava il fastidio normale, ma il 51% no.

Al tweet ha risposto anche la segretaria di Stato francese alle pari opportunità, Marlene Schiappa. “Quello che descrivete si chiama stupro – ha scritto – La definizione giuridica è: penetrazione ottenuta sotto minaccia, coercizione o sorpresa. Dovreste dirlo ai vostri ascoltatori e alle vostre ascoltatrici”. Per poi aggiungere: “Se Charlotte ha altre domande Le planning familial è a sua disposizione”, taggando una storica ong che contrasta la violenza sulle donne.

La trasmissione Lovin’Fun, quella in cui avrebbe dovuto andare in onda il dibattito, ha risposto agli attacchi rivendicando la propria scelta: “Le polemiche dimostrano che abbiamo avuto ragione ad affrontare questo tema. Non è perché si è in coppia che il nostro corpo è a disposizione dell’altro. Il consenso è necessario anche in una relazione amorosa, soprattutto quando una persona dorme e non è in grado di dire no”. Ma la sera stessa, nel programma televisivo TPMP (Touche pas à mon poste, molto discusso per il suo stile volgare e irriverente) il presentatore Cyril Hanouna insieme ai suoi ospiti ha affrontato il tema in tutt’altro modo: “Usare la parola stupro per questi casi è un’offesa per tutte coloro che hanno subito un vero stupro“, ha detto la scrittrice Géraldine Maillet. E l’ex miss Francia Delphine Wespiser ha rincarato la dose: gli approcci sessuali quando uno dei due partner sta dormendo, ha spiegato, sono “piuttosto carini“. Contro la trasmissione sono stati sollevati una cinquantina di ricorsi al Conseil Supérieur de l’Audiovisuel, l’autorità regolatrice dei media francesi: e la replica della puntata, contrariamente al solito, non è stata riproposta il mattino seguente.

Lo stupro, secondo l’art. 22-23 del codice penale francese, è “qualsiasi atto di penetrazione sessuale compiuto con violenza, costrizione, minaccia o sorpresa”. E la pagina sul sito del governo dedicata alla violenza sulle donne precisa: “La presunzione di consenso dei coniugi vale solo fino a prova contraria. Lo stupro all’interno della coppia è riconosciuto ed è punibile“. Secondo Delphine Driguez, avvocato e membro dell’Associazione Avocats femmes et violences, meno del 10% delle donne che sono state vittime di stupro coniugale ha presentato una denuncia, e nel 90% dei casi la denuncia è stata respinta.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Dl sicurezza, sabato 27 ottobre ong e associazioni in piazza per manifestare “contro razzismo e xenofobia”

next
Articolo Successivo

Altan firma il primo cartone animato sulle famiglie arcobaleno. C’è speranza anche per l’Italia

next