Vi piacerebbe un tablet con schermo pieghevole che, una volta chiuso, diventa come uno smartphone, facile da portare in tasca anche in giro? Ci stanno pensando Lenovo ed LG, almeno stando a un report proveniente dalla Corea del Sud.  Per il momento infatti si tratta soltanto di indiscrezioni ma la fonte, ETNews, è solitamente affidabile e in passato ha azzeccato diverse anticipazioni.

Da quanto apprendiamo, il tablet dovrebbe utilizzare uno schermo realizzato appunto da LG, con diagonale di 13 pollici (circa 33 cm) aperto e di 8 o 9 pollici (circa 20 cm) da chiuso. Non molto tenendo presente che potremmo portare con noi un dispositivo con schermo da notebook (come ad esempio il Dell XPS 13) ma che una volta chiuso ingombrerebbe poco più di uno smartphone (lo Huawei Mate 20X presentato ieri ha una diagonale di 7,2 pollici).

Secondo la fonte il dispositivo potrebbe arrivare a breve ma inizialmente sarebbe commercializzato unicamente in Cina. Non è da escludere però che se l’esperimento dovesse andare bene la vendita potrebbe essere estesa anche a Europa e Stati Uniti. È la stessa fonte del resto a riportare che LG Display, la divisione che dovrebbe realizzare il display da 13 pollici, sarebbe in trattative sia con Dell che con LG Electronics, due aziende ben affermate in Occidente.

Puntare su un tablet anziché su uno smartphone pieghevole come invece starebbero facendo molte altre aziende tra cui Microsoft e Samsung, potrebbe avere diversi vantaggi. Intanto un tablet che si possa chiudere e trasportare facilmente potrebbe attrarre un pubblico più ampio, perché i vantaggi del nuovo formato sarebbero più evidenti rispetto a uno smartphone. Inoltre per i produttori di pannelli video sarebbe più facile rendere resistente uno schermo che, a differenza di uno smartphone, non verrebbe aperto e chiuso decine se non centinaia di volte al giorno.

Non resta dunque che attendere per vedere se le indiscrezioni diverranno realtà, ma non c’è dubbio che in futuro vedremo esordire sempre più spesso dispositivi pieghevoli e chissà, magari in futuro anche arrotolabili. Pensate che bello andare al parco, sedervi, e srotolare dalla tasca il tablet per leggere la vostra edizione digitale del Fatto Quotidiano. Comodo, no?

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Giovani e belli in eterno? Oggi si può col digitale (ma è solo virtuale)

prev
Articolo Successivo

Le batterie del futuro saranno stampate in 3D e le potrete anche indossare

next