Almeno nove persone sono morte e altre 30 risultano disperse nel naufragio di un barcone di migranti nel mar Egeo, al largo della costa turca di Karaburun, nella provincia di Smirne. L’imbarcazione era probabilmente diretta all’isola greca di Lesbo. Sul posto sono intervenuti le unità di soccorso di Ankara, che hanno finora tratto in salvo una persona. Proseguono le ricerche dei dispersi come riporta l’agenzia di stampa Anadolu.

Foto di archivio

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Metro Roma, il presidente uscente Cialdini: “Linee non adeguate a norma antincendio, potrebbero essere chiuse”

prev
Articolo Successivo

Migranti, per l’Italia non è un fenomeno nuovo. Le quattro stagioni degli arrivi: dalla decolonizzazione al crollo del Muro

next