Almeno nove persone sono morte e altre 30 risultano disperse nel naufragio di un barcone di migranti nel mar Egeo, al largo della costa turca di Karaburun, nella provincia di Smirne. L’imbarcazione era probabilmente diretta all’isola greca di Lesbo. Sul posto sono intervenuti le unità di soccorso di Ankara, che hanno finora tratto in salvo una persona. Proseguono le ricerche dei dispersi come riporta l’agenzia di stampa Anadolu.

Foto di archivio

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Metro Roma, il presidente uscente Cialdini: “Linee non adeguate a norma antincendio, potrebbero essere chiuse”

next
Articolo Successivo

Migranti, per l’Italia non è un fenomeno nuovo. Le quattro stagioni degli arrivi: dalla decolonizzazione al crollo del Muro

next