Piazzapulita (La7) riparte con un reportage di Corrado Formigli dal Somaliland, il Paese invisibile nel nord della Somalia dove non piove mai. Un viaggio che racconta le migrazioni e l’importanza del lavoro delle ONG e smentisce quelli che sono diventati i luoghi comuni sui migranti.

Una povertà e una miseria assolute, quelle del Somaliland, che la piaga dei cambiamenti climatici sta rendendo insostenibili. Molti dei suoi abitanti, oggi, sono profughi nel proprio Paese e si sono ammassati alle porte delle città in cerca di acqua e di cibo. Quelli rimasti nei villaggi, invece, sopravvivono molto spesso solo grazie all’aiuto delle ONG. ONG come Save The Children, tra i pochissimi avamposti sanitari nei villaggi sperduti lungo le piste del Somaliland desertificato, e unica possibilità di sopravvivenza per chi il proprio Paese non vorrebbe essere costretto a lasciarlo.

Tra gli ospiti di Corrado Formigli nel corso della prima puntata di Piazzapulita stasera: il Ministro degli Esteri del Lussemburgo Jean Asselborn; il fondatore di Proactiva Open Arms Oscar Camps; Marco Minniti (PD); il Presidente della Commissione Bilancio Claudio Borghi (Lega); Stefano Massini e i giornalisti Rula Jebreal, Antonio Padellaro, Federico Fubini e Lucio Caracciolo.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Libia, l’Onu dice “no” a Macron: “Nessun voto prima del 2019”. La Francia non ci sta: “Lavoriamo per il 10 dicembre”

prev
Articolo Successivo

Carige, l’azionista Mincione offende il cronista del Fatto. I cdr del giornale: “Noi corretti per garantire informazione”

next