“Gli sbarchi devono avvenire nel porto sicuro di salvataggio. Poi la responsabilità deve essere condivisa. No, la Libia non è un paese di sbarco sicuro”. L’alto Commissario Delle Nazioni Unite per i rifugiati, Filippo Grandi, è in visita in Italia dal 12 al 14 settembre. “Come Nazioni Unite siamo stati molte volte sull’orlo di dire ‘non possiamo più lavorare in Libia, troppo pericoloso per i nostri colleghi’. Ma siamo riusciti a restare”, spiega nel corso di una conferenza stampa oggi a Roma, presso la sede dell’associazione della Stampa Estera. Durante il suo soggiorno a Roma, l’Alto Commissario ha incontrato il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella, il premier Giuseppe Conte e, tra gli altri, i ministri Matteo Salvini, Enzo Moavero e Danilo Toninelli. “La Libia è un paese di transito, lacerato da un conflitto violento. E c’è una vasta popolazione di rifugiati e migranti che si trova in condizioni inaccettabili. Dico ai paesi, incluse Italia e Francia, di lavorare insieme per trovare una soluzione anche per questi disgraziati”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Migranti, Grandi (Unhcr) a Salvini: “In Libia detenuti in condizioni abominevoli. Raramente ho visto situazioni così dure”

prev
Articolo Successivo

Disabili, “fondo decurtato di 10 milioni”. Martina: “Vergogna”. Ma è boomerang per il Pd: il taglio è del governo Gentiloni

next