“Gli sbarchi devono avvenire nel porto sicuro di salvataggio. Poi la responsabilità deve essere condivisa. No, la Libia non è un paese di sbarco sicuro”. L’alto Commissario Delle Nazioni Unite per i rifugiati, Filippo Grandi, è in visita in Italia dal 12 al 14 settembre. “Come Nazioni Unite siamo stati molte volte sull’orlo di dire ‘non possiamo più lavorare in Libia, troppo pericoloso per i nostri colleghi’. Ma siamo riusciti a restare”, spiega nel corso di una conferenza stampa oggi a Roma, presso la sede dell’associazione della Stampa Estera. Durante il suo soggiorno a Roma, l’Alto Commissario ha incontrato il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella, il premier Giuseppe Conte e, tra gli altri, i ministri Matteo Salvini, Enzo Moavero e Danilo Toninelli. “La Libia è un paese di transito, lacerato da un conflitto violento. E c’è una vasta popolazione di rifugiati e migranti che si trova in condizioni inaccettabili. Dico ai paesi, incluse Italia e Francia, di lavorare insieme per trovare una soluzione anche per questi disgraziati”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Migranti, Grandi (Unhcr) a Salvini: “In Libia detenuti in condizioni abominevoli. Raramente ho visto situazioni così dure”

next
Articolo Successivo

Disabili, “fondo decurtato di 10 milioni”. Martina: “Vergogna”. Ma è boomerang per il Pd: il taglio è del governo Gentiloni

next