Oggi “c’è un clima che assomiglia molto agli anni Trenta. Certo, non dobbiamo esagerare, chiaramente non c’è Hitler, forse dei piccoli Mussolini…”: lo ha detto il commissario europeo agli Affari economici, Pierre Moscovici, tornando a dirsi preoccupato per la progressione dei populisti in Europa a meno di un anno dalle elezioni europee del 2019. “La storia, come diceva Raymond Aron, è tragica, bisogna evitare che sprofondi nelle sue ore più buie”. Moscovici ha sottolineato peraltro che, almeno alle prossime elezioni, i populisti non conquisteranno la schiacciante maggioranza dell’Assemblea Ue, ma otterranno comunque una “forte progressione“.

Parole che non sembravano riferite in particolare a Roma, ma il vicepresidente del Consiglio Luigi Di Maio lo ha visto come un atto di accusa anche all’attuale governo italiano: “L’atteggiamento da parte di alcuni commissari europei è inaccettabile, veramente insopportabile. Dall’alto della loro Commissione europea si permettono di dire che in Italia coi sono tanti piccoli Mussolini, non si devono permettere!”. “Non solo non si devono permettere – ha proseguito il ministro – ma questo dimostra come queste siano persone totalmente scollegate dalla realtà: questo è il governo che ha il più alto consenso in Europa, e veniamo trattati così da commissari europei, da una Commissione, che probabilmente tra 6-8 mesi non esisterà più, perché i cittadini alle prossime elezioni europee manderanno a casa una buona parte dell’establishment”. Una posizione condivisa anche dall’altro vicepresidente del Consiglio, Matteo Salvini: “Il commissario Ue Moscovici, anziché censurare la sua Francia che respinge gli immigrati a Ventimiglia, ha bombardato la Libia e ha sforato i parametri europei, attacca l’Italia e parla a vanvera di tanti piccoli Mussolini in giro per l’Europa. Si sciacqui la bocca prima di insultare l’Italia, gli italiani e il loro legittimo governo”.

Moscovici, per la cronaca, aveva fatto riferimento all’Italia proprio in relazione a Salvini, parlando appunto del sovranismo. “L’Italia – aveva detto il commissario europeo agli Affari economici parlando della questione immigrazione – è il Paese che ha il ministro più nazionalista e al tempo stesso il Paese che avrebbe maggiore bisogno di solidarietà” da parte dei partner Ue. “Sulle migrazioni – aveva aggiunto rispondendo a una domanda sulla revisione dei Trattati di Dublino – la Commissione europea è stata piuttosto dalla parte giusta: ha presentato delle proposte, che però sono state rifiutate da alcuni Stati, più in particolare, quelli che pensano che l’Europa sia popolata solo da cristiani bianchi, quando invece non è vero…”. Un riferimento indiretto, quello di Moscovici, ai cosiddetti Paesi di Visegrad, tra cui l’Ungheria di Viktor Orban. Quindi un nuovo appello a “combattere” e a “mobilitarsi” contro i populisti in Europa, anche in vista delle elezioni europee del 2019. “Se non reagiamo – ha aggiunto – il peggio può accadere”. Moscovici, ha quindi ricordato di essere figlio di un esule rumeno rifugiatosi a Parigi. “Non posso concepire l’Europa come un continente chiuso, anche se non può accogliere tutti”. “Per rispondere alla crisi migratoria – ha concluso – serve una una risposta ferma ed umana”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Orbán, il “Sì” alle sanzioni del Partito Popolare Europeo spinge il premier ungherese tra le braccia dei sovranisti

prev
Articolo Successivo

Governo Conte, Draghi: “Negli ultimi due mesi le parole hanno creato danni a famiglie e imprese. Aspettiamo i fatti”

next