In occasione del primo consiglio comunale di settembre torna davanti al Comune di Pisa la protesta contro la nomina dell’assessore alla cultura Andrea Buscemi, finito a processo nel 2013 in seguito a una denuncia di stalking da parte dell’ex compagna. I giudici in appello hanno chiuso il procedimento per la prescrizione del reato ma hanno condannato Buscemi al risarcimento dei danni, riconoscendone le condotte persecutorie. La Casa della donna di Pisa ha organizzato una manifestazione invitando la cittadinanza a far suonare sveglie e cellulari, intervallate dalla lettura della Convenzione di Istanbul, che tutela le donne contro ogni forma di violenza. Dall’estate scorsa, quando è avvenuta la nomina ad assessore di Andrea Buscemi, si susseguono proteste sotto il Comune. “Vogliamo svegliare la Giunta: la cittadinanza non merita di essere rappresentata da una persona che ha agito come stalker nei confronti della ex compagna. Una nostra delegazione ha appena presentato il caso al Parlamento europeo“, spiega Carla Pochini, presidente della Casa della donna di Pisa. La petizione lanciata sul sito Change.org per chiedere le dimissioni di Buscemi ha già superato le 40 mila firme.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Leggi razziali, 80 anni fa il primo dei decreti che anticiparono l’Olocausto. Così Mussolini privò gli ebrei di tutti i diritti

prev
Articolo Successivo

Trento, discriminazione negare una stanza in affitto a transgender: 10mila euro di risarcimento

next