“Vogliamo recuperare i nostri ricordi, mettete in sicurezza il ponte e fateci sgomberare le nostre cose prima di buttarlo giù” è questa la richiesta più ricorrente tra gli oltre 500 partecipanti, nel pomeriggio di ieri, all’assemblea degli sfollati che si è tenuta al campo da calcio della parrocchia di Certosa, a pochi passi dal blocco di via Fillak che impedisce agli abitanti scampati al dramma del 14 agosto di rientrare nelle proprie case.

Presenti all’incontro anche le istituzioni locali (gli assessori Fassio e Piocicchi per il Comune, Cavo e Scajola per la Regione): “È solo un primo passo di quella che sarà una lunga maratona” chiarisce Franco Ravera, tra i fondatori del comitato di via Porro, nato proprio per denunciare con tanto di documentazione fotografica lo stato di degrado del viadotto.

Questi cittadini attivi, che in questi giorni hanno saputo creare una vera e propria comunità tra i circa 250 nuclei familiari evacuati, non hanno mai smesso di far sentire la loro voce e denunciare una situazione la cui gravità, evidentemente, in troppi avevano preferito sottovalutare.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Amatrice, il negozio del fornaio Enrico è rinato nel nuovo centro commerciale: “Resto ma è dura”

prev
Articolo Successivo

Roma, 25 cm di asfalto “pesano” sui giunti del Ponte della Scafa. Il 29 agosto la riapertura (parziale)

next