“La sicurezza dei nostri consumatori è sempre una priorità“: per questo la società Durex ha disposto il ritiro dal mercato di alcuni lotti di profilattici. Si tratta, nello specifico, di preservativi in polisoprene Durex RealFeel e Durex NoLatex che non rispettano pienamente i valori di riferimento sulla durata di conservazione. In ogni caso, la società rassicura che “non vi sono preoccupazioni immediate per la sicurezza dei consumatori” e per chi avesse già utilizzato il prodotto garantisce  che se “usato come indicato”, “non c’è motivo di preoccuparsi”.

Il richiamo riguarda i lotti Durex Real Feel, n. 1000417778 (scadenza dicembre 2020), Durex No Latex n. 1000419930 e n. 1000435193 (scadenza gennaio 2021). Il numero di lotto è riportato sul fondo della confezione e sull’involucro di ogni preservativo. La società spiega che per le modalità di restituzione si può chiamare il servizio clienti al numero 800-868000. “Saremo lieti di darvi un rimborso completo per la confezione originale, o alcuni prodotti Durex di almeno lo stesso valore” fa sapere la società leader nel campo della contraccezione in una comunicazione riportata dall’Adnkronos. Anche la Coop, sulla pagina apposita nel sito ufficiale, riporta la comunicazione segnalando che alla restituzione del prodotto verrà garantito un rimborso.

L’avvertimento e il ritiro sono comunque a “titolo cautelativo”, la società ribadisce che non c’è un pericolo immediato. La Durex poi fa sapere che “tutti gli altri lotti di profilattici Durex RealFeel e Durex No Latex e tutti i profilattici Durex rispettano i consueti standard di qualità e non sono interessati da questo richiamo”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Trenord, l’annuncio all’altoparlante del treno: “Zingari, avete rotto i c…”. Ora una dipendente rischia il licenziamento

prev
Articolo Successivo

Palermo, mutilavano arti per truffare le assicurazioni: “Fagli trovare l’ambulanza e una sedia a rotelle”. Le intercettazioni

next