Le opposizioni insorgono, dopo la proposta di abolire la legge Mancino avanzata dal ministro della Famiglia Lorenzo Fontana. “A questo governo fascisti e razzisti evidentemente piacciono. Perché di questo governo razzisti e fascisti evidentemente sono parte”, attacca su Twitter il presidente del Pd Matteo Orfini. “Il governo giallo-verde, per bocca del ministro Fontana, scopre la sua vera identità – gli fa Eco Emanuele Fiano – e annuncia di voler abrogare la legge che in Italia, come in tutta Europa, vieta la diffusione di idee discriminatorie e razziste. Salvini lo aveva annunciato in un comizio a Pontida (…). Il progetto è di sdoganare il razzismo e di dare soddisfazione ad una parte significativa del loro bacino elettorale che evidentemente chiede loro proprio questo”, si legge in un nota del deputato dem.

Anche da Liberi e Uguali si levano gli scudi: “Inaccettabili le parole del ministro – twitta Roberto Speranza – L’Italia è una repubblica democratica antifascista e antirazzista. Chi non lo ricorda non è degno di fare il Ministro. #Fontanadimettiti“. “La legge 25 giugno 1993, n. 205, nota anche come Legge Mancino, sanziona e condanna gesti, azioni e slogan legati all’ideologia nazifascista, e aventi per scopo l’incitazione alla violenza e alla discriminazione per motivi razziali, etnici, religiosi o nazionali – affermano Federico Fornaro e Rossella Muroni, capogruppo e vicecapogruppo di Liberi e Uguali alla Camera – se questa proposta diventerà un atto del Governo, sappiano M5S e Lega, che per impedire questo oltraggio alla nostra democrazia repubblicana e antifascista, questa volta sul tetto di Montecitorio ci andremo noi”.

Un “delirio complottista da Tso“, lo definiscono la segretaria di Possibile, Beatrice Brignone, e l’esponente dello stesso partito, Andrea Maestri. “Non può sfuggire – aggiungono – a nessuno – ma, in particolare, non può sfuggire al Presidente della Repubblica, al Presidente del Consiglio dei Ministri, al Parlamento e alla magistratura – che simile affermazione è di inaudita gravità. Soprattutto in un momento storico in cui non passa giorno che si aggredisca (con parole o botte) o si spari ad un migrante”.

Critiche si levano anche dagli alleati di governo del Movimento 5 Stelle: “Mi sembra che il ministro Fontana si stia occupando un po’ di tutto tranne che di disabilità – commenta il senatore Matteo Mantero – sarebbe opportuno che si ricordasse delle sue competenze e dei suoi doveri, anche perché i disabili hanno problemi seri. Fontana si occupi di loro invece di sparare cazzate in giro”.

Dura la presa di posizione delle comunità ebraiche. La legge Mancino è uno “strumento necessario per combattere i rigurgiti di fascismo e antisemitismo“, afferma la presidente Ruth Dureghello della Comunità ebraica di Roma. “Se si accetta l’incarico di Ministro – afferma Dureghello – lo si deve fare coscienti della storia e della responsabilità, evitando boutade e provocazioni stupide. Sopratutto a 80 anni anni dalle Leggi Razziali sarebbe bene comprendere come combattere le discriminazioni invece che strizzare continuamente l’occhio ai neofascismi“. “Grazie alla normativa vigente è stato possibile per la magistratura individuare e colpire i gruppi neonazisti che progettavano azioni antisemite come avvenuto per Militia e per Stormfront i cui protagonisti, che progettavano anche di colpire fisicamente membri della Comunità Ebraica – sottolinea la nota – sono stati arrestati e condannati in virtù di questa legge”.

“Chiedo al Presidente del Consiglio Conte se la proposta corrisponde a un progetto del Governo italiano che dirige”, si legge in una nota della presidente dell’Ucei, l’unione delle comunità ebraiche italiane, Noemi Di Segni. “Sono parole che offendono profondamente quanto si è inteso difendere a seguito di gravissimi episodi neonazisti e neofascisti e di grave recrudescenza negli anni Ottanta e peraltro ribaditi dalla decisione comunitaria che focalizza i medesimi atti di odio, approvata anche dal nostro Paese”, ricorda Di Segni. Per la presidente dell’Ucei, “nella Repubblica italiana fondata sull’antifascismo e sulla negazione dell’odio e di ogni forma di razzismo, questi presidi normativi vanno semmai rafforzati e da tutti difesi, senza al contrario alimentare ulteriori paure e rancori sociali“.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Legge Mancino, cosa prevede la norma che il ministro Fontana vuole abrogare: le sanzioni per i crimini d’odio

prev
Articolo Successivo

Dl dignità, Paita (Pd) vs Giordano: “Precarietà non si combatte bloccando Tav e Tap”. “Non c’entra niente”

next