Le opposizioni insorgono, dopo la proposta di abolire la legge Mancino avanzata dal ministro della Famiglia Lorenzo Fontana. “A questo governo fascisti e razzisti evidentemente piacciono. Perché di questo governo razzisti e fascisti evidentemente sono parte”, attacca su Twitter il presidente del Pd Matteo Orfini. “Il governo giallo-verde, per bocca del ministro Fontana, scopre la sua vera identità – gli fa Eco Emanuele Fiano – e annuncia di voler abrogare la legge che in Italia, come in tutta Europa, vieta la diffusione di idee discriminatorie e razziste. Salvini lo aveva annunciato in un comizio a Pontida (…). Il progetto è di sdoganare il razzismo e di dare soddisfazione ad una parte significativa del loro bacino elettorale che evidentemente chiede loro proprio questo”, si legge in un nota del deputato dem.

Anche da Liberi e Uguali si levano gli scudi: “Inaccettabili le parole del ministro – twitta Roberto Speranza – L’Italia è una repubblica democratica antifascista e antirazzista. Chi non lo ricorda non è degno di fare il Ministro. #Fontanadimettiti“. “La legge 25 giugno 1993, n. 205, nota anche come Legge Mancino, sanziona e condanna gesti, azioni e slogan legati all’ideologia nazifascista, e aventi per scopo l’incitazione alla violenza e alla discriminazione per motivi razziali, etnici, religiosi o nazionali – affermano Federico Fornaro e Rossella Muroni, capogruppo e vicecapogruppo di Liberi e Uguali alla Camera – se questa proposta diventerà un atto del Governo, sappiano M5S e Lega, che per impedire questo oltraggio alla nostra democrazia repubblicana e antifascista, questa volta sul tetto di Montecitorio ci andremo noi”.

Un “delirio complottista da Tso“, lo definiscono la segretaria di Possibile, Beatrice Brignone, e l’esponente dello stesso partito, Andrea Maestri. “Non può sfuggire – aggiungono – a nessuno – ma, in particolare, non può sfuggire al Presidente della Repubblica, al Presidente del Consiglio dei Ministri, al Parlamento e alla magistratura – che simile affermazione è di inaudita gravità. Soprattutto in un momento storico in cui non passa giorno che si aggredisca (con parole o botte) o si spari ad un migrante”.

Critiche si levano anche dagli alleati di governo del Movimento 5 Stelle: “Mi sembra che il ministro Fontana si stia occupando un po’ di tutto tranne che di disabilità – commenta il senatore Matteo Mantero – sarebbe opportuno che si ricordasse delle sue competenze e dei suoi doveri, anche perché i disabili hanno problemi seri. Fontana si occupi di loro invece di sparare cazzate in giro”.

Dura la presa di posizione delle comunità ebraiche. La legge Mancino è uno “strumento necessario per combattere i rigurgiti di fascismo e antisemitismo“, afferma la presidente Ruth Dureghello della Comunità ebraica di Roma. “Se si accetta l’incarico di Ministro – afferma Dureghello – lo si deve fare coscienti della storia e della responsabilità, evitando boutade e provocazioni stupide. Sopratutto a 80 anni anni dalle Leggi Razziali sarebbe bene comprendere come combattere le discriminazioni invece che strizzare continuamente l’occhio ai neofascismi“. “Grazie alla normativa vigente è stato possibile per la magistratura individuare e colpire i gruppi neonazisti che progettavano azioni antisemite come avvenuto per Militia e per Stormfront i cui protagonisti, che progettavano anche di colpire fisicamente membri della Comunità Ebraica – sottolinea la nota – sono stati arrestati e condannati in virtù di questa legge”.

“Chiedo al Presidente del Consiglio Conte se la proposta corrisponde a un progetto del Governo italiano che dirige”, si legge in una nota della presidente dell’Ucei, l’unione delle comunità ebraiche italiane, Noemi Di Segni. “Sono parole che offendono profondamente quanto si è inteso difendere a seguito di gravissimi episodi neonazisti e neofascisti e di grave recrudescenza negli anni Ottanta e peraltro ribaditi dalla decisione comunitaria che focalizza i medesimi atti di odio, approvata anche dal nostro Paese”, ricorda Di Segni. Per la presidente dell’Ucei, “nella Repubblica italiana fondata sull’antifascismo e sulla negazione dell’odio e di ogni forma di razzismo, questi presidi normativi vanno semmai rafforzati e da tutti difesi, senza al contrario alimentare ulteriori paure e rancori sociali“.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Legge Mancino, cosa prevede la norma che il ministro Fontana vuole abrogare: le sanzioni per i crimini d’odio

next