Nel 2007 la Fiat lanciò il nuovo modello della 500. E lo fece, in tv, con uno spot che conteneva le immagini di Falcone e Borsellino, delle manifestazioni degli operai a Mirafiori, di Margherita Hack, Pertini, Gaber e tanto altro ancora. Il 4 luglio di quell’anno, intervistato da La Stampa, Sergio Marchionne confessò di aver concepito e scritto la sceneggiatura della pubblicità: “Ora la Fiat non creperà più. Torniamo a vedere la luce – disse – e puntiamo a diventare i migliori“.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Sergio Marchionne morto, l’addio di John Elkann: “Se n’è andato l’uomo e l’amico. Per sempre riconoscenti”

next
Articolo Successivo

Calenzano, arrestato prete di 70 anni: “Sorpreso semi nudo in auto con bimba”. Lui si difende: “Ha preso lei l’iniziativa”

next