Nel 2007 la Fiat lanciò il nuovo modello della 500. E lo fece, in tv, con uno spot che conteneva le immagini di Falcone e Borsellino, delle manifestazioni degli operai a Mirafiori, di Margherita Hack, Pertini, Gaber e tanto altro ancora. Il 4 luglio di quell’anno, intervistato da La Stampa, Sergio Marchionne confessò di aver concepito e scritto la sceneggiatura della pubblicità: “Ora la Fiat non creperà più. Torniamo a vedere la luce – disse – e puntiamo a diventare i migliori“.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Sergio Marchionne morto, l’addio di John Elkann: “Se n’è andato l’uomo e l’amico. Per sempre riconoscenti”

next
Articolo Successivo

Calenzano, arrestato prete di 70 anni: “Sorpreso semi nudo in auto con bimba”. Lui si difende: “Ha preso lei l’iniziativa”

next