Una donna marocchina residente ad Arzachena, in Gallura, Zeneb Badid, 34 anni, è stata massacrata di botte e uccisa probabilmente durante un festino a base di droga e alcol in una casa sulle colline di Baia Sardinia. La donna era stata ricoverata in gravissime condizioni ieri nell’ospedale Giovanni Paolo II di Olbia, dove è morta nella stessa notte. Fermati dai carabinieri con l’accusa di omicidio due connazionali, Jalal Hassissou, 40 anni, e Soufyane El Khedar, 36 anni.

Entrambi gli uomini, in stato di fermo con l’accusa di omicidio, sono residenti in Sardegna, nella stessa zona dove viveva la vittima.  Secondo una prima ricostruzione, l’aggressione risalirebbe alla notte tra domenica e lunedì. Sarebbe stato un pugno in pieno viso a stordire inizialmente la donna. Poi ancora violenza: calci, pugni e la testa sbattuta con violenza contro il water e il lavandino del bagno. Sino a ridurla in fin di vita.

I marocchini  avrebbero agito in preda ai fumi di alcol e droga.  A far scattare le indagini è stata la segnalazione del personale del Pronto soccorso di Olbia, dove la donna era arrivata su un’auto del 118 partita dalla guardia medica di Arzachena. Alla guardia medica l’avevano portata proprio i due connazionali, raccontando di una caduta accidentale alla quale gli investigatori non hanno creduto. Secondo la loro versione, è stato Jalal Hassissou a trovarla in un giardino. Era svenuta e l’ha soccorsa poi portata al Pronto soccorso. Sulla vicenda indagano i carabinieri del comando provinciale. I due marocchini sono stati trasferiti nel carcere di Nuchis, a Tempio Pausania, e già questa mattina si presenteranno davanti al giudice per le indagini preliminari per l’udienza di convalida dell’arresto.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Caserta: strangola la moglie e si uccide. La donna l’aveva denunciato per maltrattamenti, poi aveva ritirato le accuse

prev
Articolo Successivo

Salento, giovane ucciso con un colpo di pistola alla tempia. Gli investigatori: “Esecuzione in stile mafioso”

next