Elettrico, a guida autonoma e connesso: è l’identikit del camion di domani. E c’è chi questo “domani” sta provando ad anticiparlo oggi: è la start-up svedese Einride, che ha presentato al Goodwood Festival of Speed il nuovo T-log, mezzo pesante pensato per il trasporto di legname. Il veicolo è addirittura privo di cabina passeggeri e, conseguentemente, di volante e pedali.

A guidare, infatti, pensa il suo cervellone elettronico: si tratta di un pilota automatico di Livello 4 della scala SAE (Society of Automotive Engineers), che certifica la capacità del mezzo di monitorare l’ambiente circostante e completare manovre complesse come un sorpasso o la svolta. Nello specifico, il T-log vanta pure capacità fuoristradistiche, utili per marciare nei boschi dove viene raccolto il legname.

La piattaforma di guida autonoma è stata sviluppata da Nvidia e permette anche il controllo in remoto del veicolo a distanza di centinaia di chilometri. L’assenza di una cabina passeggeri vera e propria ha permesso di ottimizzare la spazio dedicato al carico: T-log, infatti, può trasportare sul suo cassone ben 16 tonnellate di legna. La start-up, inoltre, assicura grande flessibilità operativa e bassi costi di gestione.

Non solo, T-log possiede un software che, in base ai dati del traffico, calcola la rotta migliore per risparmiare tempo, denaro e batteria: a proposito di batteria, quella di questo camion ha una capacità di 300 kWh che, oltre al sistema di propulsione elettrico, alimenta telecamere, radar e lidar che fanno da occhi al T-log. Quest’ultimo è lungo 7,33 metri e può viaggiare (a emissioni zero) per circa 190 km.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Nissan, mea culpa sulle emissioni: “In Giappone misurazioni fuorilegge”

prev
Articolo Successivo

Guida autonoma, questione di fiducia. E gli automobilisti italiani ne hanno

next