Il 15 gennaio il ponte Chirajara, a un centinaio di chilometri da Bogotà, crollò causando la morte di 10 operai (VIDEO). A distanza di alcuni mesi quello che rimane del ponte è stato fatto brillare: un’esplosione controllata molto scenografica: per la detonazione sono stati usati 200 kg di esplosivo e 3 km di cavi

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Carles Puigdemont, l’ex presidente catalano verso l’estradizione. Manca solo il via libera della corte federale tedesca

next
Articolo Successivo

Yemen, Amnesty International denuncia: “Sparizioni e torture da parte di forze di sicurezza riferibili agli Emirati Uniti”

next