Come già accaduto al Giro d’Italia, inizia in salita anche il Tour de France di Chris Froome. Dopo i fischi del pubblico e gli attacchi di Vincenzo Nibali nel corso della presentazione di venerdì, l’inglese del Team Sky è rimasto vittima di una caduta nel finale della prima tappa ed è arrivato al traguardo con 50 secondi di ritardo rispetto al resto del gruppo, insieme ad altri big come Adam Yates della Mitchelton-Scott e Richie Porte della BMC. Ancora più staccato il colombiano Nairo Quintana della Movistar, vittima di una foratura nel finale.

Fernando Gaviria ha invece vinto la tappa da Noirmoutier-en-l’Ile a Fontenay-le-Comte di 201 km. Il colombiano della Quick-Step Floors ha preceduto in volata il campione del Mondo Peter Sagan della Bora e il norvegese Alexander Kristoff dell’UAE Team Emirates. Gaviria, all’esordio assoluto al Tour, è anche la prima maglia gialla.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Dazi auto Usa, Merkel: “siamo pronti a negoziare una riduzione generale”

next