“Che io non possa andare a parlare con il Presidente della Repubblica è una cosa bizzarra”.  Così il vicepremier Matteo Salvini a chi gli chiede conto del dibattito sorto all’interno della maggioranza sui fondi indebitamente percepiti dalla Lega Nord ai tempi di Bossi e Belsito: “E’ il garante della Costituzione dei diritti dei cittadini italiani. Io rispetto il lavoro della stragrande maggioranza dei giudici italiani che fanno bene obiettivamente e senza pregiudizi il loro lavoro. Parlerò con il presidente Mattarella del fatto che la Lega sarebbe il primo e unico partito in Europa sostanzialmente messo fuori legge con una sentenza no definitiva per eventuali errori commessi da qualcuno più di dieci anni fa con cui io non c’entro nulla. Se qualcuno dieci anni fa ha speso i 300 mila euro in maniera errata e verrà condannato in via definitiva di quei 300mila euro anche se non c’entra nulla sono disposto a farmi carico. Se questo vuol dire invece attaccare politicamente un partito ne parleremo con il Presidente. Noi mettiamo nelle mani del presidente Mattarella il fatto che in Italia si possa lavorare”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Migranti, circolare di Salvini ai prefetti: stretta sulla concessione della protezione umanitaria

next
Articolo Successivo

Vitalizi, il Senato si prende altro tempo: non decide, convoca (di nuovo) Boeri e chiede un parere al Consiglio di Stato

next