Approvato il decreto dignità. Il Ministro del Lavoro, Luigi Di Maio, ne spiega le caratteristiche ai cronisti all’uscita dal cdm. “Quattro principi. In primis, la riduzione del precariato. Abbiamo individuato nuove norme per eliminare la burocrazia per i professionisti. Le delocalizzazioni: qualsiasi azienda multinazionale che riceve fondi pubblici italiani e se ne va ce li deve restituire maggiorati. Infine il gioco d’azzardo. L’Italia è il primo paese a vietarne la pubblicità”. Tempo determinato. “La norma prevede che ogni rinnovo di contratto a tempo determinato costi di più. Nella prossima legge di bilancio lavoreremo per rendere tutto più sostenibile anche per le aziende. Il contratto a tempo determinato è diventato uno strumento che alimenta il precariato a tal punto da segnare il record della storia italiana. Abbiamo licenziato il Jobs act. È un provvedimento incisivo che farò discutere ma abbiamo preso i voti delle persone per fare ciò che serve”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Landini: “Salvini? Combatta il lavoro nero, non i neri. E il lavoro nero ai neri lo fanno fare gli italiani, non viceversa”

prev
Articolo Successivo

L’ultima profezia di Piero Fassino: “Trent’anni di Salvini? Vediamo se gli elettori gli daranno i voti”

next