La riforma del copyright rappresenta “un grave pericolo” che arriva “direttamente dall’Unione europea“, si tratta di “due articoli che potrebbero mettere il bavaglio alla rete”. Sono le parole del vicepremier e ministro del Lavoro e allo Sviluppo economico, Luigi Di Maio, all’Internet Day organizzato alla Camera. La riforma in questione verrà votata a fine anno o all’inizio del 2019 dal Parlamento europeo. Gli articoli contestati sono due, l’11 e il 13. Il primo prevede una sorta di tassa, a carico delle grandi aziende come Google e Facebook, che deve essere pagata ogni qualvolta compaiono sulle loro piattaforme notizie di testate e quotidiani. Il secondo, invece, prevede che i contenuti coperti da diritto d’autore e pubblicati online senza permesso vengano rimossi o mostrati con una pubblicità. “Se le direttive dovessero rimanere tali, siamo disposti a non recepirle“.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Migranti, Calenda: “Con Minniti su Libia abbiamo fatto azione dura e positiva. Tweet di Salvini? Umanamente misero”

next
Articolo Successivo

Olimpiadi invernali a Torino, Appendino rilancia e minaccia le dimissioni. Toninelli la appoggia: ‘Proposta migliore di Milano’

next