Hanno estratto una bara da una cappella privata, hanno disfatto la salma e ne hanno sparso i resti per terra. Proprio come in alcuni riti satanici. È accaduto nella notte fra venerdì e sabato nel cimitero monumentale di Oropa, nel biellese. Non un luogo casuale, dato che poche settimane fa un gesto simile era stato compiuto nel camposanto di Cossila San Grato, a poco più di dieci chilometri di distanza.

Il sospetto dei carabinieri, giunti sul posto per le indagini, è che a profanare la tomba sia stato un gruppo di satanisti. Secondo quanto riportato da La Stampa, sull’identità del cadavere estratto dalla bara non ci sono certezze, se non il fatto che sia stato tumulato parecchi anni fa. I familiari sono quindi partiti da Torino per verificare le condizioni della cappella di famiglia. Un aiuto al lavoro degli agenti potrebbe arrivare dalle telecamere di sorveglianza, installate all’esterno del cimitero. Un luogo, questo, molto conosciuto perché adiacente al santuario di Oropa, dedicato alla Madonna nera e risalente secondo la tradizione al quarto secolo dopo Cristo.

Il presunto rituale sacrilego compiuto a Oropa ricalca nelle modalità un episodio avvenuto il 30 maggio scorso a Cossila San Grato, sempre in provincia di Biella. In quel caso sono state profanate due tombe, sepolte a metà anni Sessanta, e ne sono stati estratti i corpi. Ad alimentare i sospetti degli inquirenti sulla pista del satanismo, il ritrovamento di un simbolo inequivocabile tracciato sul pavimento: il pentacolo rovesciato (una stella a cinque punte capovolta) e il 666 che rappresenta, nell’Apocalisse di Giovanni, il numero della Bestia.

(foto tratta dal sito del Santuario di Oropa)

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Migranti, 820 persone riportate in Libia dalla “Guardia costiera” di Tripoli. Ong: “L’Italia ci ha escluso dai salvataggi”

next
Articolo Successivo

Rom: a Camping River abbiamo assistito a uno scenario bellico, non a uno sgombero

next