Scontro acceso a L’Aria che Tira Estate (La7) tra monsignor Domenico Sigalini, vescovo emerito di Palestrina, e il vicedirettore de La Verità, Francesco Borgonovo. Il dibattito è incentrato sulla stato disastroso del campo rom di Castel Romano: qui Mirko, un giovane rom italiano, spiega le condizioni di degrado, dichiara di essere in attesa di una casa popolare e ammette di ricorrere a piccoli furti per vivere. Borgonovo ribadisce a più riprese: “Non mi sembra che ci sia nessuno che voglia perseguitare i rom, ma bisogna che questi ultimi collaborino e facciano quello che fanno gli altri italiani: lavorare, altrimenti votino il M5s che gli dà il reddito di cittadinanza“. Monsignor Sigalini osserva: “Innanzitutto non vanno ghettizzati assolutamente, perché in questo modo si rinforzano l’uno con l’altro e perdono tutte le speranze”. “Ma perché non possono andare in un appartamento?” – interrompe Borgonovo – “Perché non possono andare a lavorare, pagarsi un affitto, mandare i figli a scuola senza che vadano i carabinieri a prelevare i bambini dal campo rom?”. “Secondo me, bisogna anche cogliere la loro struttura di popolo, che non è facilissima” – risponde il religioso – “Quindi, hanno bisogno di essere aiutati per una integrazione che salvi la loro dignità e il loro modo di essere”. Borgonovo sbotta: “Ma non si può, sono 50 anni che l’integrazione non funziona, dai”. Monsignor Sigalini continua: “È un popolo con le sue caratteristiche. Perché metterlo in un appartamento?”. “Perché altrimenti vanno a rubare” – risponde il giornalista de La Verità – “E giustamente poi la gente si incazza”. Qualche minuto dopo la polemica riesplode: Monsignor Sigalini ripete che i rom hanno una loro identità culturale che va rispettata. E Borgonovo ancora una volta insorge: “Ma non si rende conto che è offensivo nei confronti di altre persone che guadagnano meno di quel rom e non hanno ugualmente la casa popolare? Perché a loro deve essere concesso di essere un popolo e agli altri no? Con questo ‘in nome del popolo’ va bene tutto”. Il religioso, visibilmente contrariato, ribatte: “Ma porco demonio”. “Porco demonio un corno!”, replica Borgonovo. “Non dire ‘loro’, perché sono italiani come te“, ammonisce monsignor Sigalini. Il giornalista riafferma il suo punto di vista critico coi rom e il religioso commenta: “Dove vivi tu? Ma porco demonio… vai a vedere la vita com’è”.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Di Maio: “Stadio Roma? Non chiederemo a Raggi di farsi da parte. Fuori i raccomandati da Rai e p.a.”

next
Articolo Successivo

Saviano, Travaglio: “Ricatto di Salvini inaudito e indegno. Con le scorte non si scherza”

next