L’aumento vorticoso dello spread, il differenziale tra i titoli di stato tedeschi e quelli italiani, in forte aumento in questi giorni, è “conseguenza dell’instabilità”. Banchieri e imprenditori, riuniti nella sede di Bankitalia per la relazione annuale del governatore Ignazio Visco, lo hanno confermato. Ma mentre per Vincenzo Boccia, presidente di Confindustria, “le nuove elezioni stabilizzeranno la situazione, con un percorso lineare, il vero nodo sono le politiche che chi vincerà le elezioni, metterà in campo”, per l’amministratore delegato di Banca Mediolanum, Massimo Antonio Doris: “Le elezioni aumenteranno l’instabilità. Prima, con il governo M5S-Lega, lo spread non era stabile”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Elezioni, da Renzi a Boldrini appello all’unità. L’idea di un Fronte democratico anti M5s e Lega

next
Articolo Successivo

Oettinger, M5s: “Si dimetta e Juncker smentisca”. Salvini: “Bruxelles senza vergogna”. Il Pd: “Dichiarazione stupida”

next