Prima si sono incontrati nel day after dello stop al governo M5s -Lega per decidere che l’alleanza tra le due forze politiche continuerà in Parlamento. Poi sono andati a sedersi sulla poltrona di Barbara D’Urso a pochi minuti l’uno d’altro. Se l’esecutivo guidato da Carlo Cottarelli nasce con quasi nessuna possibilità di ottenere la fiducia alla Camera e al Senato, Luigi Di Maio e Matteo Salvini hanno spiegato di voler trasformare in proposte di legge il contratto siglato nei giorni scorsi. Nessuno dei due esclude a priori un’alleanza in vista delle prossime elezioni, ma anzi il leader della Lega non conferma l’ipotesi di presentarsi in campagna elettorale in coalizione con Forza Italia: “Mi hanno insultato. Ci ragionerò“, dice. Un risultato comunque Salvini l’ha già ottenuto: dopo l’aut aut di ieri, oggi Silvio Berlusconi ha annunciato che il suo partito non voterà la fiducia a Carlo Cottarelli.

Di Maio e Salvini: “Via a commissioni con contratto di governo” – Il primo a parlare, dopo il summit è invece Di Maio e lo per attaccare “Mattarella che al governo ha deciso di mettere dei tecnici che non hanno mai preso un voto, guidati da Cottarelli, con la sicurezza che non avranno nessuna maggioranza in Parlamento. Quindi avremo un governo non solo non votato dal popolo, ma nemmeno dal Parlamento: un vergognoso unicum nella storia della Repubblica”, ha detto il capo politico del leader del M5s. “Lavoriamo per far partire le commissioni parlamentari e iniziare a realizzare il contratto di governo dal Parlamento. Finché non si va al voto il Parlamento ha un’unica maggioranza, M5S-Lega, e un contratto di governo da realizzare. Chi sarà la maggioranza e chi l’opposizione? Ci divertiremo, perché visto che si sta stravolgendo l’assetto istituzionale quelli responsabili saremo noi”, ha aggiunto Di Maio. “È stato un incontro produttivo e costruttivo per trasformare in fatti il contratto di governo tramite le commissioni parlamentari. Quello che non può fare il governo perché nasce zoppo proveremmo a realizzarlo tramite il Parlamento”, conferma Salvini alla fine del vertice. Per domani è dunque previsto l’incontro tra i capigruppo di Lega e M5s che concorderanno come fare partire le commissioni parlamentari.

Alleanza M5s-Lega a elezioni? “Prematuro” – Quella che si delineerà sarà quindi una situazione abbastanza inedita: da una parte un nuovo esecutivo nato già sfiduciato, dall’altra una maggioranza parlamentare che lavorerà a un programma di riforme. Tutto questo in attesa di tornare alle urne. “Chiediamo di andare al voto il prima possibile“. Anche ad agosto? “Prima possibile”, dice Di Maio che non esclude un’eventuale alleanza con il Carroccio: “È prematuro parlarne, adesso ci stiamo occupando di far partire le commissioni”, spiega il capo del M5s. Non smentisce un’ipotesi simile neanche Salvini: “Non so, so che per tre settimane abbiamo lavorato seriamente ora vediamo di trasformare il contratto in due, dieci progetti di legge”.

Salvini impone a Fi di non votare la fiducia a Cottarelli – E a proposito di alleanze, lo stesso Salvini – intervistato a Pomeriggio 5 da Barbara D’Urso – è tornato a lamentarsi dell’atteggiamento di Forza Italia. “Ho letto che sono brutto, traditore, irresponsabile, razzista, e lo dicevano non da sinistra, ma i miei alleati. C’erano Tizio, Caio e Sempronio di Forza Italia che vomitavano insulti”, ha detto il leader della Lega, spiegando che sul futuro della coalizione di centrodestra “ci ragionerò“. Per la verità, in un primo momento Salvini aveva subordinato l’alleanza con Forza Italia all’eventuale fiducia votata dal partito di Berlusconi a Cottarelli. Un ultimatum subito recepito dall’ex cavaliere  che è intervenuto per annunciare che il suo partito non sosterrà il nuovo presidente del consiglio. Insomma, il numero uno del Carroccio ha imposto all’ex premier di non votare la fiducia al nuovo premier, nonostante dirigenti azzurri come Renato Brunetta si fossero pubblicamente esposti in senso opposto.

Di Maio: “Berlusconi buttato giù dallo spread” – E riferendosi all’ultimo esecutivo di Silvio Berlusconi, invece, Di Maio – ospite poco prima di Salvini sempre di Pomeriggio 5 – ha detto: “È stato l’ultimo governo votato in Italia ed è stato butato giù dallo spread. Ora hanno usato la stessa scusa e lo spread sale ancora“. Durante la sua comparsata televisiva, poi, il capo politico del M5s ha raccontato di aver fatto al Quirinale “nomi alternativi a Paolo Savona, come Alberto Bagnai o Armando Siri, nomi della Lega peraltro, ma non andavamo bene perché nel loro passato avevano espresso posizioni critiche sull’Ue e mi è stato detto che per questo le agenzie di rating o la Germania non le gradisce”. Circostanza smentita ufficialmente dall’ufficio stampa della presidenza della Repubblica e non confermata nemmeno da Salvini: ” Non lo so, non c’ero, non ero nella stanza con Di Maio e Mattarella”. Il capo politico del M5s, però, conferma di aver fatto quei due nomi al Colle per “uscire dall’impasse sulla nomina del ministro dell’Economia del governo”.

Di Maio: “Se Lega c’è, avanti con impeachment” – Poi Di Maio è tornato a parlare di impeachment che dal suo punto di vista andrebbe esteso anche ai consiglieri del Qurinale, colpevoli di aver diffuso la notizia che Paolo Savona fosse favorevole all’uscita dall’euro. “Più che il Presidente andrebbero messi in stato di accusa i suoi consiglieri. Non credeteci. Sono balle. Un’altra bufala è quella per cui Mattarella ha tutto il diritto di scegliersi il ministro dell’Economia. Ma quando mai? Ma dove sta scritto? Quando dei ministri sono stati rifiutati c’erano dei motivi oggettivi. Gratteri era un magistrato in funzione, Previti era l’avvocato di Berlusconi (non si può trattare la cosa pubblica come un affare privato), Maroni non andò alla Giustizia perché aveva dei problemi giudiziari. Ma Savona che ha fatto? Ha scritto un libro? Esistono reati di opinione in Italia”, attacca Di Maio, prima di rilanciare la proposta di mettere in stato d’accusa il capo dello Stato. “Il governo del cambiamento era pronto ed è stata un atto ignobile non aver consentito che partisse. Siamo convinti ad andare avanti con l’impeachment, obbligheremo il Parlamento a discutere di quanto successo ma soprattutto faremo in modo che alle prossime elezioni non ci sia lo stesso Presidente“, ha detto il leader del M5s. “Se la Lega non fa passi indietro – ha aggiunto – qui parliamo di una certezza assoluta. Non facciamo questa cosa a cuor leggero ero un estimatore di Mattarella ma la scelta di ieri è stata incomprensibile”. Il numero uno del Carroccio, interpellato sul tema, usa invece toni molto più morbidi. Prima ha detto semplicemente: “Devo studiare“.  Poi, dalla D’Urso, ha spiegato: “Io faccio una cosa se ne sono convinto. Non è una guerra Salvini-Mattarella. Dico solo che il presidente della Repubblica si è preso una grossa responsabilità”.