Stava cenando quando, intorno alle 22.40, ha sentito un boato. Paolo Artizzu, 71 anni, abita in una casa vicino alla ferrovia a Caluso (Torino), dove ieri sera un treno si è schiantato contro un tir bloccato sui binari: “Dal botto che c’è stato abbiamo capito che c’è stato qualcosa di grave”. Insieme al figlio Giovanni e al genero Edwin è andato a dare una mano: “Abbiamo subito di portare i primi soccorsi e aiutare le persone che erano all’interno”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Piemonte, treno Eurocity urta un mezzo: non ci sono feriti, linea interrotta

next
Articolo Successivo

Scontro treno-tir, dubbi dell’indagine. Pm di Ivrea: “Chiarire comunicazioni fatte tra ditta, Ferrovie, Anas e polizia stradale”

next