A due giorni dallo schianto del Boieng 737-200 decollato dall’aeroporto dell’Avana, arriva la testimonianza di un ex pilota messicano che aveva più volte guidato i mezzi della low cost messicana Damojh, alla quale apparteneva il velivolo andato in fiamme. Dei passeggeri a bordo, soltanto tre sono sopravvissuti e sono tutte donne cubane. 110 le vittime: tra loro 102 cubani (tra cui una cittadina naturalizzata italiana), due argentini, due sahrawi, e sette messicani, dei quali sei membri dell’equipaggio e una passeggera. La cittadina italiana, secondo quanto riporta l’Ansa, si chiamava Carmen, aveva 50 anni e abitava a Cilavegna, in provincia di Pavia. Era sposata con Massimo Navaro, 58 anni. Il ministro dei Trasporti, Adel Yzquierdo, ha pubblicato la lista delle persone che si trovavano a bordo dell’aereo, schiantatosi a 13 chilometri dal centro della capitale cubana, per motivi ancora non stabiliti.

Le accuse del pilota messicano Marco Aurelio Hernandez Carmona, con 35 anni di esperienza alle spalle, che ha lavorato dal 2005 al 2013 per la compagnia, ha detto che nel 2013 aveva denunciato alle autorità messicane la compagnia aerea per seri problemi di manutenzione. Secondo quanto riferito in un’intervista al sito del quotidiano messicano El Universal da Carmona, gli aerei della Damojh avrebbero avuto continui problemi di surriscaldamento ai motori, voli in sovrappeso, corrosione, piloti con orari di lavoro massacranti, mancanza di pezzi di ricambio ed errori nei sistemi radar dei velivoli. Hernandez Carmona ha mostrato i documenti della denuncia che aveva presentato cinque anni fa alla direzione generale dell’Aeronautica Civile del Messico nei confronti della compagnia aerea, a suo dire di proprietà di uno spagnolo. Le accuse dell’ex pilota, che parla perfino di tangenti, sono molto pesanti. Intanto le autorità messicane hanno annunciato che effettueranno un nuovo audit alla compagnia aerea al fine di verificare quali siano le loro condizioni operative. Una revisione del Boing 737, costruito nel 1979, era già avvenuta a novembre.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Venezuela, le elezioni farsa per fare vincere Maduro. L’opposizione: “Chi vota per lui riceve cibo”

prev
Articolo Successivo

Il Niger della settima repubblica e le finzioni di un Paese inesistente

next