“Se le cose stanno così il destino è già segnato, mi sembra che è una legislatura che va a sbattere, noi un governo tecnico non lo vogliamo assolutamente, io sono entrato in Parlamento per fare una battaglia precisa contro lo strapotere della finanza, se mi devo trovare un governo espressione di quel mondo manco morto”. Così Gianluigi Paragone andando via dalla Camera. “Lega ha dato ultimatum a FI? Sono dinamiche che si stanno consumando dentro il centrodestra – ha commentato il senatore Cinque stelle – noi i passi che dovevamo fare li abbiamo fatti, ormai non aspettiamo più nulla, come si dice nei campi da tennis, vediamo il risultato dell’altro campo”. E poi ha aggiunto: “Meglio votare d’estate che accettare un governo che neutrale non potrà essere, galateo istituzionale verso il capo dello Stato non vuol dire accettare tutto”

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

D’Alfonso rimane governatore e senatore: la maggioranza di centrosinistra gli salva (ancora) la doppia poltrona

prev
Articolo Successivo

Governo, Mattarella: “Io come un arbitro imparziale, ma serve correttezza da parte dei giocatori”

next