Ne avevamo parlato qualche tempo fa della Limousine che Vladimir Putin si era fatto costruire in casa. Un gioiello per la cui progettazione erano state coinvolte le eccellenze aziendali locali: il NAMI, ovvero l’ente di stato per lo sviluppo dell’automotive, ma anche pezzi grossi come Sollers JSC, AvtoVaz e Kamaz, nonché il colosso dell’aeronautica e dell’industria bellica Rostoc (ma anche l’italiana Brembo e Porsche Engineering), per un investimento totale di oltre 165 milioni di euro. Ebbene, quale migliore occasione del giuramento per il suo quarto mandato per sfoggiare la nuova creatura? Lo Zar si è infatti presentato all’appuntamento a bordo di questa Cortege (Kortezh, in russo) nuova di pacca, le cui fattezze ricordano molto una Rolls-Royce Phantom. Dopo vent’anni di straniere, di cui l’ultima era una Mercedes-Bens S 600, finalmente un capo di stato del Cremlino torna a viaggiare su un’auto made in Russia.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Kia Niro EV, ecco le prime immagini ufficiali del crossover elettrico – FOTO

next
Articolo Successivo

Citroen Mehari, i cinquant’anni si festeggiano con una art car – FOTO

next