Ne avevamo parlato qualche tempo fa della Limousine che Vladimir Putin si era fatto costruire in casa. Un gioiello per la cui progettazione erano state coinvolte le eccellenze aziendali locali: il NAMI, ovvero l’ente di stato per lo sviluppo dell’automotive, ma anche pezzi grossi come Sollers JSC, AvtoVaz e Kamaz, nonché il colosso dell’aeronautica e dell’industria bellica Rostoc (ma anche l’italiana Brembo e Porsche Engineering), per un investimento totale di oltre 165 milioni di euro. Ebbene, quale migliore occasione del giuramento per il suo quarto mandato per sfoggiare la nuova creatura? Lo Zar si è infatti presentato all’appuntamento a bordo di questa Cortege (Kortezh, in russo) nuova di pacca, le cui fattezze ricordano molto una Rolls-Royce Phantom. Dopo vent’anni di straniere, di cui l’ultima era una Mercedes-Bens S 600, finalmente un capo di stato del Cremlino torna a viaggiare su un’auto made in Russia.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Kia Niro EV, ecco le prime immagini ufficiali del crossover elettrico – FOTO

prev
Articolo Successivo

Citroen Mehari, i cinquant’anni si festeggiano con una art car – FOTO

next