Un terremoto di magnitudo 6.9 ha colpito Big Island, l’isola maggiore delle Hawaii, dove negli ultimi giorni si sono susseguite centinaia di piccole scosse collegate all’attività del vulcano Kilauea. Dopo l’ultimo terremoto, registrato alle 12:32 ora locale (le 00:32 di sabato in Italia), la lava è arrivata vicino alle zone residenziali e ha costretto centinaia di persone a fuggire.

“E’ quasi esattamente la stessa posizione del mortale sisma del 1975 di magnitudo 7.1“, ha detto l’US Geological Survey in un tweet ricordando la scossa che all’epoca ha ucciso due persone e ferito 28. Secondo la portavoce dell’Osservatorio vulcanologico delle Hawaii, Janet Babb, i numerosi terremoti registrati finora sull’isola – incluso quello di magnitudo 6.9 – riflettono il movimento del vulcano che si adatta allo spostamento del magma.

 

L’area ospita circa 1.700 persone e 770 strutture, ma il distretto più ampio potenzialmente interessato dalla minaccia ospita circa 10mila persone. Non sono state segnalati feriti, ma diverse case sarebbero state distrutte o gravemente danneggiate, hanno riferito le autorità che hanno invitato tutti i residenti rimasti ad evacuare e hanno avvertito di livelli estremamente elevati di fumi tossici: “Anziani, giovani e persone con problemi respiratori devono rispettare l’ordine di evacuazione obbligatorio e lasciare l’area”, è la dichiarazione dell’ufficio del sindaco.

Il governatore David Ige ha detto che i residenti sono stati alloggiati nei centri della comunità fino a quando il pericolo di Kilauea, uno dei vulcani più attivi del mondo, sarà passato. Nella dichiarazione di emergenza firmata per liberare i fondi per i disastri nella Big Island, Ige ha notato che il flusso attuale è simile a un’eruzione del 1960 nell’area di Kapoho che “ha causato danni significativi”. Ige ha anche attivato le Guardia nazionale dello stato.

 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Bicentenario nascita Marx, polemiche per la presenza di Juncker alle celebrazioni e la statua di 5,5 metri donata dalla Cina

next
Articolo Successivo

Sbaglia pista d’atterraggio e rischia di schiantarsi contro un altro aereo: la manovra del pilota è in extremis

next