Quarantacinque antagonisti e anarchici, indagati per la guerriglia urbana che si scatenò a Milano nel giorno dell’apertura di Expo 2015, non andranno a processo. Il giudice per le indagini preliminari, Gennaro Mastrangelo, ha accolto la richiesta di archiviare tutte le posizioni avanzata un anno fa dai pm Alberto Nobili, capo del pool antiterrorismo, e Piero Basilone.

I 45 giovani, tra cui quattordici greci, erano accusati di devastazione e altri reati legati alla manifestazione dell’1 maggio durante la quale venne messo a ferro e fuoco la zona attorno alla stazione di Cadorna. Gli inquirenti, dopo aver visionato assieme alla Digos circa 600 gigabyte di filmati, erano giunti alla conclusione che quei giovani non avrebbero fatto parte di quel “blocco nero” che distrusse banche, negozi, auto private, oltre che scontrarsi con la polizia nella zona di via Meravigli e nelle strade attorno a via Monti.

Nel corso delle indagini, erano anche emerse difficoltà di riconoscimento e di attribuzione di condotte specifiche relativamente ad alcune singole posizioni. Non si tratta dell’unica inchiesta legata ai disordini di quel giorno. In altri casi, diversi manifestanti hanno patteggiato e un antagonista, accusato di aver picchiato un poliziotto con un bastone, ha concordato una pena a 2 anni di reclusione. Attualmente, inoltre, 5 anarchici greci non estradati e un italiano latitante sono a processo per devastazione, accusa questa caduta nei processi ad altri quattro No Expo.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Processo No Tav, Cassazione sugli scontri a Chiomonte: “Appello da rifare per 27 attivisti. Riformulare pene per altri 7”

prev
Articolo Successivo

Intercettazioni, Pignatone: “Ecco perché la nuova legge non tutela la privacy”

next