Dopo che lo scorso gennaio si era paventata l’archiviazione del caso, oggi pare ci sia una nuova pista nel caso di Angelo Vassallo, il sindaco di Pollica ucciso nel 2010 mentre tornava a casa. Lo ha confermato anche il procuratore Cafiero De Raho, a capo della Direzione nazionale antimafia. “. “Dal 2010 non si è ancora arrivati all’identificazione dei responsabili” ha affermato a margine di un’iniziativa al San Carlo di Napoli, a cui hanno partecipato anche Dario Vassallo, il fratello del sindaco assassinato, il sindaco Luigi de Magistris. “Ma è anche vero che dal 2010 le indagini sono proseguite. Di fronte a determinati crimini non c’è mai la parola fine. Fino a che non si arriva all’identificazione degli autori. A chiedere giustizia è prima di tutto la famiglia Vassallo, che denuncia anche una “certa politica che ha remato contro la ricerca della verità”

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Ilva, Cassazione conferma la condanna per Fabio Riva: 6 anni e 3 mesi per associazione a delinquere e truffa

next
Articolo Successivo

Favori in cambio di sesso, condannato a 11 anni ex magistrato Roberto Staffa

next