Il team di Okeanos Explorer del Noa (National Oceanic and Atmospheric Administration), dedicato all’esplorazione e alla ricerca oceanica, sta scandagliando i fondali del Golfo del Messico. Durante le riprese i ricercatori si imbattono in strani pesci, stelle marine, granchi e anemoni, ma una creatura in particolare colpisce la loro attenzione: uno strano cefalopode color rosso sangue dall’aspetto quasi demoniaco. Alcuni hanno suggerito che si possa trattare di una specie di calamaro vampiro, ma i ricercatori continuano a classificarlo come “calamaro non identificato”, in attesa di raccogliere ulteriori dati

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Come ti salvo il cucciolo di megattera. La spiaggia si mobilita e la ‘piccolina’ riprende il largo tra gli applausi

next
Articolo Successivo

Se il cane guida si ‘approfitta’ della padrona non vedente. Sgamato mentre la trascina sempre nello stesso negozio

next