Oramai è assodato: anche se le emissioni diesel in eccesso producono una piccola parte delle polveri nocive, sono responsabili di migliaia di morti. In Europa, oltre un terzo di coloro uccisi annualmente dalle emissioni diesel fuorilegge si concentra in un centinaio di conglomerati urbani e al primo posto c’è l’Italia. L’area che racchiude Monza e Milano Nord conta la media di 115 decessi prematuri l’anno a causa del Dieselgate. Il bilancio totale è di 1500-2mila su una popolazione complessiva di 100 milioni di abitanti: quasi il 20% della popolazione europea.

Lo studio
La classifica e la maglia nera italiana

La classifica si basa sui dati esclusivi dell’International Institute for Applied Systems Analysis (IIASA) e del Norwegian Meteorological Institute (MetNorway). A settembre 2017 i due istituti hanno pubblicato uno studio congiunto nel quale avvertivano che quasi 5 mila persone muoiono prematuramente in Europa per le emissioni in eccesso che i costruttori di auto avrebbero dovuto evitare per legge. In Italia, la zona più colpita è il conglomerato Milano Nord e Monza (prima in Europa per decessi prematuri). In Francia, invece, svetta la zona Parigi Centro-Ovest (terza in Europa), in Germania Monaco Centro-Est (decima), in Inghilterra Londra Nord-Ovest (12esima in Europa) e poi Bruxelles Centro-Ovest (15esima), Amsterdam Centro-Ovest (34esima) e l’intera Barcellona (47esima). In molte di queste aree sono stati recentemente introdotti divieti per i motori diesel più dannosi.

Percentuali
La metà delle morti è nella nostra penisola

L’Italia racchiude nei suoi confini oltre il 40 per cento delle 100 regioni europee più minacciate, con il 50 per cento dei decessi complessivi. Tra i primi dieci conglomerati europei con la maglia nera, 8 si trovano in Italia. Germania e Francia sono invece i due Paesi col più alto numero di regioni in cui le morti sono superiori alla media Ue. Si tratta di zone di Paesi in cui, in genere, le emissioni in eccesso provocano più decessi prematuri che altrove. Secondo lo IIASA, ogni cittadino dai 30 anni in su perde mediamente oltre 6 giorni di vita in Italia, quasi 5 in Belgio, intorno ai 4 in Olanda e Francia, oltre 3 in Germania e circa 2 nel Regno Unito, mentre in Spagna, a metà classifica, viene sacrificato poco più di un giorno. Mille adulti europei vedono complessivamente accorciata la propria aspettativa di vita media di 5 anni e mezzo. Un tale numero aggregato potrebbe essere percepito come un lasso di tempo relativamente trascurabile rispetto a una durata residua di circa 50 anni per adulto, ma quanto valgono questi ultimi frammenti di esistenza è una considerazione puramente soggettiva. Ma il dato non lo è.

La segmentazione
Un reticolato per elaborare dati dettagliati

I ricercatori dello IIASA e di MetNorway hanno frazionato l’insieme dei Paesi europei in 6600 regioni geografiche (convenzionali e non corrispondenti a distretti amministrativi), in modo da calcolare i più accurati livelli di inquinamento possibili in ogni area abitata. A seconda delle sue dimensioni, ogni città è stata segmentata in più regioni oppure inglobata insieme ad altre nella stessa regione. In questo modo, alcuni conglomerati includono solo alcuni quartieri delle città più grandi (come Londra), mentre altri raggruppano molteplici città (come Monza e Milano nord). Basandosi su tale distribuzione geografica e su equazioni comprovate da esperti indipendenti, è stato possibile mappare le morti legate all’eccesso di emissioni diesel in tutte le regioni in cui è stato ritagliato ciascun paese. L’obiettivo è mostrare ai cittadini in che misura il Dieselgate ha un impatto nel territorio.

Il metodo
Diffusione e disfunzione: come funziona

I tubi di scappamento dei motori diesel scaricano due potenti agenti inquinanti: polveri sottili, tecnicamente definite particolato atmosferico (PM 2,5), e ossidi di azoto (NOx). Particolato atmosferico e NOx, emessi anche da industria, agro-zootecnico e consumi domestici, sono rispettivamente responsabili di 400mila e 75mila decessi prematuri ogni anno, secondo l’Agenzia europea dell’ambiente (AEA). Le macchine diesel rispettano individualmente i limiti per il PM 2.5. Al contrario, come ha appunto svelato il Dieselgate, rilasciano su strada volumi di NOx superiori alle misurazioni condotte in laboratorio per la certificazione ambientale. Di fatto, sforano fino a 400 volte i valori prescritti dall’Ue. Ciò è vero soprattutto per i veicoli Euro 4 e 5, ma in parte anche per gli Euro 6. Oltre a essere pericolosi di per sé, gli NOx si mescolano nell’atmosfera con altre sostanze nocive, creando indirettamente quantità aggiuntive di PM 2.5. Lo studio dello IIASA e di MetNorway e la mappa, basata su tale studi, evidenziano le conseguenze sulla salute del PM 2.5 indirettamente prodotto dalle emissioni di NOx fuori norma (senza quindi considerare gli effetti di NOx e PM 2.5 direttamente emessi dalle auto diesel). Il particolato è l’inquinante più pericoloso. Una volta inalati, i microscopici composti presenti nel PM 2.5 (così chiamati per il loro diametro di appena 2,5 micrometri), riescono a penetrare nei polmoni e nel sistema circolatorio innescando o aggravando disfunzioni respiratorie e cardiovascolari e contribuendo all’insorgere di tumori e altre patologie.

Scienza dietro la notizia
Perché aumentano i decessi locali

“Mentre gli NOx vengono rilasciati principalmente dalle auto diesel, circa il 75 per cento del PM 2.5 proviene da fonti diverse dal traffico anche lungo strade trafficate – spiega Jens Borken-Kleefeld, esperto di trasporti presso lo IIASA –. Inoltre, la quota di PM 2.5 emessa direttamente dalle auto (17% del totale) è doppia rispetto a quella formatosi indirettamente dagli NOx (8%)”. Il particolato diretto, quindi, contribuisce maggiormente ai frequenti superamenti dei livelli di guardia nelle concentrazioni urbane. I ricercatori dello IIASA e di MetNorway hanno però voluto determinare la quota aggiuntiva di PM 2.5 originata dai superamenti delle soglie NOx da diesel stabilite dall’Ue. Tale quota rappresenta in media poco più dell’1,5 per cento delle concentrazioni totali nelle regioni europee. “Per quanto minimo possa sembrare il particolato imputabile al Dieselgate, non esiste comunque una dose sicura e ogni quantità aggiuntiva di inquinamento aumenta il danno alla salute, secondo le attuali conoscenze – afferma Borken-Kleefeld -. In ogni caso, i nostri numeri non rischiano di essere gonfiati visto che abbiamo cautamente calcolato le frazioni di PM 2.5 in eccesso partendo da concentrazioni complessive più basse di quelle ipotizzate dall’AEA, l’Agenzia Europea dell’ambiente”. Secondo Borken-Kleefeld, studi pubblicati nel 2017 su Nature e Environmental Research Letters da due altri gruppi di ricerca sono giunti a numeri simili, partendo dallo stesso presupposto secondo cui il particolato indiretto risultante dagli Nox è altrettanto dannoso di quello emesso direttamente.

Decessi
Come funziona il calcolo dei morti

Per calcolare approssimativamente quante persone vengono uccise annualmente dal particolato extra del Dieselgate, in ciascuna regione, si è ricorsi alla cosiddetta funzione di rischio messa a punto dall’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS). “Evidenze scientifiche indicano che la mortalità aumenti all’aumentare dell’esposizione a un particolare tipo di inquinante. Per il PM 2.5, l’aumento è del 6 per cento per ogni 10 microgrammi / metro cubo (μg/m3) – spiega Francesco Forastiere, epidemiologo e consulente per l’OMS –. Per ottenere l’incremento di mortalità attribuibile agli NOx in eccesso basta moltiplicare il coefficiente dell’OMS per il surplus di PM 2.5 che non si registrerebbe qualora le emissioni diesel rispettassero i limiti Ue”. È esattamente il procedimento seguito per sviluppare la mappa che trovate qui sopra, seppur con qualche margine d’errore. “La funzione di rischio viene spinta fino al suo limite quando la si applica a una popolazione più piccola di quella di un intero Paese – sottolinea Borken-Kleefeld – tuttavia, questi calcoli, per quanto imperfetti, forniscono il reale ordine di grandezza del pericolo che il mancato rispetto dei limiti di emissione rappresenta per la salute”. L’analisi ha ricevuto un feedback positivo anche da Michael Holland, consulente ambientale presso la Ecometrics Research and Consulting con sede nel Regno Unito. “I metodi utilizzati sono in linea con le recensioni della letteratura scientifica dell’OMS – afferma Holland –. Il rapporto del Royal Colleges of Physicians and of Paediatrics and Child Health giunge alle stesse conclusioni: l’aumento dell’inquinamento atmosferico danneggia la salute, e i risultati sono particolarmente allarmanti per quanto riguarda l’esposizione alle polveri sottili”.

La combinazione Killer
Maggiore densità e maggiori polveri

Secondo Borken – Kleefeld, l’interesse non sta nelle cifre assolute, ma nelle differenze relative. “Il maggior numero di vittime non è necessariamente dove è più alta la concentrazione di PM 2.5 in eccesso oppure la densità di abitanti, bensì dove entrambe sono relativamente elevate”. La combinazione determina il livello di esposizione in una specifica area geografica. Più forte è l’esposizione, maggiore sarà il numero dei decessi. Ne deriva che le aree più a rischio si trovano nei distretti metropolitani industrializzati. Qui, la convergenza tra una densa popolazione lavorativa e un elevato traffico crea una situazione in cui le emissioni diesel generano le più letali concentrazioni di polveri sottili.

Il confronto
Gli esempi d’Europa, caso per caso

A titolo esempio, basta confrontare le regioni più popolate. Le fette Nord-Est di Parigi e di Londra hanno un numero di abitanti rispettivamente 4 e 1,5 volte superiore rispetto alla regione che incorpora Monza e Milano Nord. Ma quest’ultima ha una concentrazione di PM 2.5 in eccesso rispettivamente 4,5 e 6,5 più elevata delle capitali francese e britannica. E, conseguentemente, ha un numero di decessi prematuri rispettivamente 1,6 e 4,8 volte superiori a quelli parigini e londinesi. La stessa correlazione si riflette su scala continentale. A parità di abitanti, le regioni più densamente abitate contano meno del 60 per cento di tutti decessi provocati dalle emissioni in eccesso, mentre le regioni con le più alte concentrazioni ne totalizzano oltre l’80 per cento. Tale raffronto suppone che entrambi gli insiemi di regioni rappresentino il 50 per cento della popolazione europea: (circa 517 milioni di persone).

Questo articolo fa parte dell’inchiesta internazionale sul Dieselgate condotta da MobileReporter in collaborazione con l’European Data Journalism Network. L’articolo è stato sviluppato con il supporto del Journalismfund.eu

da Il Fatto Quotidiano del 14 aprile 2018