Una bambina di tre anni e mezzo è morta per le ferite riportate in un investimento nel quale è rimasta gravemente ferita la madre 42enne di Montecatini Terme (Pistoia). Il fatto è accaduto ieri sera, intorno alle 20,35 sulla strada statale Lucchese all’altezza dell’ex Zincheria Toscana a Santa Lucia di Uzzano (Pistoia). Dalla prima ricostruzione dei fatti effettuata dai carabinieri della stazione di Pescia, una famiglia, composta da padre, madre e la bimba di tre anni e mezzo, si stava accingendo ad attraversare la strada per recarsi da conoscenti a cena. Il padre avrebbe attraversato per primo la strada in quel punto priva di strisce pedonali.

La moglie e la figlia sono rimaste leggermente indietro ma un automobilista 72enne alla guida di un’auto Fiat Panda si è fermato per consentire loro di attraversare. In quel frangente e sopraggiunta un’auto Chevrolet Cruze, guidata da un 23enne, che, per cause in corso di accertamento, ha tamponato violentemente la Panda che, spinta in avanti, ha travolto madre e figlia.

La piccola di tre anni e mezzo è deceduta sul colpo; a nulla sono serviti i tentativi di rianimazione effettuati dall’equipaggio dell’automedica fatta intervenire dal 118. La madre è rimasta gravemente ferita nell’incidente ed è stata trasportata in codice rosso al pronto soccorso dell’ospedale San Jacopo di Pistoia e poco dopo è stata operata per varie lesioni interne e fratture riportate. La 42enne è ricoverata in prognosi riservata. Sono in corso ulteriori accertamenti da parte dei carabinieri della stazione di Pescia per ricostruire l’esatta dinamica dell’incidente.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Vittime del dovere, ‘chi porta la divisa non può essere discriminato per la pallottola dell’assassino’

prev
Articolo Successivo

Roma, nei mercati rionali tra serrande abbassate e banchi vuoti. L’onlus Terra!: “Mancano i bandi, rischio estinzione”

next